app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Sergio Santoro, candidato nel Lazio al Senato con Noi Moderati: “Crisi energetica, superiamo l’emergenza sfruttando le fonti rinnovabili e i sistemi vepa”

Settembre 16, 2022

(Roma, 16 settembre 2022) – L’ex magistrato, già Presidente del Consiglio di Stato, scommette su geotermia e vetrate panoramiche

Roma, 16 settembre 2022 – Sfruttamento delle fonti rinnovabili, nuovi sistemi fotovoltaici da inserire nelle facciate dei palazzi, meno burocrazia per l’installazione di vetrate panoramiche, capaci di gestire le temperature interne delle case: i principali punti programmatici di Sergio Santoro, candidato nel Lazio al Senato con Noi Moderati, sono all’insegna del green, e offrono una svolta nelle capacità di consumo energetico dell’Italia. Nei giorni scorsi, Sergio Santoro, magistrato di lungo corso oggi in pensione, è intervenuto al Tg2 proprio per discutere di fonti rinnovabili e risparmio energetico nel quadro delle soluzioni da adottare per uscire dalla crisi attuale. “Tra tutte le fonti energetiche che si possono utilizzare immediatamente, oltre al geotermico, al fotovoltaico e al BIPV, ci sono anche le vetrate panoramiche a risparmio energetico che posso proteggere verande e balconi senza creare nuova volumetria”, racconta Santoro, che dopo 40 anni di attività ha deciso di scendere in politica per mettere a disposizione dei cittadini e della collettività la sua expertise a contatto con norme e burocrazia. “Sono prodotti innovativi utilizzati da anni e con successo nei Paesi scandinavi. Sistemi intelligenti che creano un cuscinetto termico, che riducono drasticamente le dispersioni domestiche. Utilizzare queste vetrate a scomparsa — sottolinea l’ex magistrato — farebbe risparmiare alle famiglie italiane tanti soldi. E senza scostamenti di bilancio per lo Stato italiano”. Eppure, proprio una recente sentenza del Consiglio di Stato, la n. 7024/2022, le ha bocciate. Secondo i magistrati di Palazzo Spada, per poterle installare occorrerebbe un permesso a costruire. “Conosco bene l’argomento — ricorda Sergio Santoro — poiché per 40 anni ho fatto parte del Consiglio di Stato. È una sentenza che lascia di stucco. Una sentenza che, secondo me, lede gli interessi collettivi. Ed è sbagliata nel merito. Le verande o i balconi fanno già parte di edifici regolarmente autorizzati e per i quali il costruttore ha pagato gli oneri edificatori e urbanistici oltre al costo della costruzione. Cubatura, quindi, a tutti gli effetti. Pretendere un altro permesso a costruire solo per utilizzare questi balconi, al fine anche di risparmiare in bolletta, è assolutamente insensato. Figuriamoci oggi. Senza considerare — stigmatizza l’ex magistrato, oggi candidato con Noi Moderati — che il cosiddetto carico urbanistico non ne viene alterato in aumento e che neppure viene modificata la sagoma degli edifici. Infine, non va trascurato il rapporto costi-benefici, che fa propendere decisamente verso la soluzione di consentire senza riserve, senza oneri o ulteriori permessi, l’installazione delle vepa, le vetrate panoramiche amovibili per il risparmio energetico”. Sono avvenuti dei recenti cambiamento riguardo le vepa: grazie all’ultimo DDL Aiuti approvato pochi giorni fa, si possono installare liberamente, senza nessun tipo di autorizzazione. Una battaglia portata strenuamente avanti dall’associazione presieduta da Vito Chirenti, ASSVEPA, che rappresenta molte aziende del settore, e grazie alla sensibilità di molti politici. “Personalmente — aggiunge Santoro — mi sono sempre battuto a favore di questi sistemi quando ero al Consiglio di Stato. Le vepa permetteranno alle famiglie italiane di risparmiare sui costi del gas per il riscaldamento, dando ossigeno a interi comparti produttivi italiani: dai serramentisti ai costruttori edili, passando per le vetrerie. Piccole, medie e grandi imprese, già duramente colpite dall’attuale drammatica emergenza sociale, economica e ambientale”. A proposito di emergenze, ritiene indispensabile in questo momento storico il passaggio della Direttiva Bolkestein? “Se non fossimo in uno ‘stato di guerra’ — ragiona Sergio Santoro — si potrebbero trovare delle soluzioni. Ma oggi più che mai è assolutamente prioritario salvare decine di migliaia di posti di lavoro e quindi i balneari italiani, i loro dipendenti e le loro famiglie che, da generazioni e con enormi sacrifici, e spesso maltrattati dallo Stato, sono il fiore all’occhiello del nostro turismo estivo. Che permette all’erario —ricorda l’ex magistrato — di intascare milioni di tasse. Perciò vanno assolutamente protetti”.

CONTATTI: Sito web https://noimoderati.eu/

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl