app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Ex Ilva: Federmanager, salvaguardare filiera dell’acciaio italiano

Gennaio 11, 2024

Roma, 11 gen. (Labitalia) – Nella situazione attuale spetta al Governo definire un assetto che consenta di dare stabilità al Gruppo ex Ilva e creare i presupposti per il suo rilancio: si è perso fin troppo tempo e ora bisogna dare garanzie concrete per il futuro, perché sostenere la continuità produttiva dell’azienda significa salvaguardare tutta la siderurgia italiana. Basti pensare alla produzione di acciaio che richiederanno le grandi opere promesse, a partire dal ponte sullo Stretto di Messina che sarebbe un paradosso vedere costruito con acciaio importato. Questa la posizione di Federmanager, la Federazione dei manager industriali, preso atto del definitivo disimpegno finanziario di Arcelor Mittal da Acciaierie d’Italia.

“Da tempo denunciamo il continuo e progressivo declino delle attività industriali degli stabilimenti ex Ilva, con una gestione da parte di Arcelor Mittal improntata unicamente a un esasperato contenimento dei costi di produzione, a conferma, evidentemente, di interessi diversi dal rilancio della fabbrica. La conseguenza? Continue difficoltà operative, frequentissime fermate nella produzione, rischio di chiusura definitiva degli altiforni, ricorso continuo alla cassa integrazione”, continua la nota di Federmanager.

“Oggi siamo -spiega ancora Federmanager- in una condizione di emergenza tale per cui un intervento dello Stato rappresenta l’ultima spiaggia, purché esso sia giustificato esclusivamente per traghettare la società verso una nuova cordata di azionisti capace di dare spinta al sito di Taranto centrale per la competitività di tutta la manifattura italiana. Siamo convinti che l’industria siderurgica a Taranto si possa ancora salvare e che vi siano imprenditori del settore – auspichiamo anche italiani – che possano essere interessati al rilancio degli stabilimenti ex Ilva, ritornando rapidamente a livelli di produzione adeguati a garantire produttività e occupazione per il futuro attraverso un piano industriale in grado di rendere possibile la modernizzazione degli impianti in modo sostenibile e rispettoso dei parametri ambientali e del territorio”, conclude.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Lavoro: petizione ‘Salviamo il ceto medio’, Federmanager apre le porte delle sedi

Bologna, 23 feb. (Labitalia) – Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna aderisce all’open day pro…

Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione

Roma, 23 feb. (Adnkronos/Labitalia) – Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana D…

Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 

Roma, 23 feb. (Adnkronos/Labitalia) – Subito, piattaforma leader in Italia per comprare e vendere…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI