app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Federalberghi Veneto: “Dal 1° gennaio in 30mila rischiano di restare senza ammortizzatori sociali”

Dicembre 23, 2021

Roma, 23 dic. (Adnkronos/Labitalia) – “Siamo molto contenti di apprendere che il governo abbia deciso di estendere il Superbonus 110% anche alle seconde case e alle villette, perché immagino che questo significhi, quindi, che siano stati trovati i fondi anche per l’emergenza cig del settore alberghiero”. Commenta così il presidente di Federlaberghi Veneto, Massimiliano Schiavon, la situazione che vede il settore dell’ospitalità in prossimità di una nuova emergenza legata alla pandemia.

“Noi – dice – siamo preoccupati, molto e con ragione, perché una buona parte dei nostri colleghi chiuderanno o non riapriranno affatto. Se il Governo non allungherà la cassa integrazione in scadenza oggi al 31 dicembre, fino al 31 marzo 2022, inserendo quindi ulteriori 13 settimane di trattamento e tenendo inalterata l’anzianità prevista dal vecchio provvedimento, questa sarà l’ultima goccia che ci metterà in seria difficoltà. Non c’è mercato, in particolare quello estero, registriamo spese troppo alte, i soli costi delle bollette energetiche, per esempio, impegnano una parte importante del fatturato e se, inoltre, non verrà allungata la cig, nel giro di pochi settimane ci troveremo in seria difficoltà”.

“Ci sono – ricorda Schiavon – oltre 30 mila addetti su un totale di 60 mila che rischiano di non vedere rinnovata la loro cassa integrazione. Ovviamente senza contare che siamo uno dei pochi settori che non ha beneficiato di alcun sostegno legato al fermo delle attività imprenditoriali perché non siamo mai stati oggetto di un provvedimento di chiusura attività obbligatoria, pur in assenza totale di mercato. Oggi non è una buona Vigilia di Natale per chi non ha una seconda casa da sistemare, ma deve capire se continuare o meno la propria attività”.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl