app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Fisco: Cida, usare la leva fiscale per sostenere ceto medio e talenti

8 Luglio 2024

Roma, 8 lug. (Labitalia) – Cida accoglie con favore le recenti dichiarazioni del viceministro dell’Economia e delle Finanze, Maurizio Leo, riguardo alla riforma fiscale mirata alla riduzione delle tasse sul ceto medio. “E’ incoraggiante vedere che il Governo riconosce l’importanza del ceto medio e si impegna a ridurre la pressione fiscale anche per i redditi superiori a 35mila euro, che finora era sembrata una soglia invalicabile. Tuttavia, è fondamentale che queste promesse si traducano in azioni tangibili”, ha dichiarato Stefano Cuzzilla, presidente di Cida.

Cida è pronta a collaborare con il Governo per assicurarsi che le misure adottate siano efficaci e non vadano a gravare sempre sugli stessi contribuenti (da lavoro e pensione), motore dell’economia e reale fascia produttiva del Paese. “E’ essenziale – ha aggiunto Cuzzilla – che le politiche fiscali siano strutturate in modo tale da non penalizzare né i pensionati né i giovani. I primi rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra società e la nostra economia e negli ultimi anni hanno visto abbattere notevolmente il loro potere d’acquisto e minare un progetto di vita costruito con anni di lavoro e responsabilità. Allo stesso modo, è necessario un netto cambio di mentalità e un approccio sistematico per valorizzare i nostri giovani talenti”.

I recenti dati emersi dall’indagine Ipsos e da altre ricerche evidenziano un problema critico: il 35% dei giovani under 30 è pronto a lasciare l’Italia in cerca di migliori opportunità lavorative e salariali. “Questo – ha proseguito Cuzzilla – è un segnale preoccupante che non possiamo ignorare. La generazione Z, che dovrebbe rappresentare il futuro del nostro Paese e della nostra economia, rischia di essere persa a favore dei nostri competitor internazionali. E’ imperativo che il governo prenda misure concrete per trattenere questi talenti, creare un ambiente favorevole alla loro crescita professionale e offrire compensi adeguati. Le retribuzioni troppo basse e un sistema di welfare sempre più rosicchiato e inadeguato non incentivano i giovani a investire nel Paese”. In un momento in cui la denatalità e l’emigrazione dei giovani rappresentano sfide significative, Cida ribadisce il suo impegno a lavorare a fianco delle istituzioni per implementare politiche che incoraggino l’occupazione giovanile e l’aggiornamento delle competenze, per costruire un futuro prospero e competitivo per l’Italia.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Turismo, in Norvegia la via artica alla sostenibilità passa dallo Snowhotel di Kirkenes

14 Luglio 2024
Roma, 14 lug. (Adnkronos/Labitalia) – Dormire in stanze di ghiaccio, tra sculture di neve e passi…

Vino, a VinoVip Cortina ‘Civiltà del bere’ consegna a Marina Cvetic il Premio Khail 2024

14 Luglio 2024
Roma, 14 lug. (Adnkronos/Labitalia) – È Marina Cvetic, amministratore unico di Masciarelli Tenute…

Turismo, con Havila Voyages la crociera dei fiordi norvegesi diventa green e tech

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug. (Adnkronos/Labitalia) – La crociera dei fiordi norvegesi diventa green e tech. Per …

Turismo:, con Havila Voyages la crociera dei fiordi norvegesi diventa green e tech

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug. (Adnkronos/Labitalia) – La crociera dei fiordi norvegesi diventa green e tech. Per …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI