app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Lavoro: petizione ‘Salviamo il ceto medio’, Federmanager apre le porte delle sedi

23 Febbraio 2024

Bologna, 23 feb. (Labitalia) – Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna aderisce all’open day promosso in tutto il Paese da Cida, la Confederazione italiana dei dirigenti e delle alte professionalità alla quale aderisce. Il 28 febbraio 2024, dalle 10 alle 13, apre le porte dell’associazione a tutti coloro che vogliono firmare la petizione ‘Salviamo il ceto medio’ usufruendo dell’assistenza degli operatori. Tre le sedi presso le quali recarsi, a Villanova di Castenaso, Bologna, in via Merighi 1/3, a Ferrara in via Armari 8 e a Ravenna in via di Roma 102, muniti del proprio indirizzo mail e delle credenziali per accedere alla casella di posta. Sempre possibile anche la sottoscrizione on line, collegandosi al link https://www.change.org/p/salviamo-il-ceto-medio.

“La petizione, lanciata da Cida nel novembre scorso sulla piattaforma Change.org -spiega il presidente di Federmanager Bologna-Ferrara-Ravenna Massimo Melega – si appresta a raggiungere il traguardo delle 50mila firme, che verranno presentate alla Presidenza del Consiglio, al Ministro dell’Economia e al ministro del Lavoro e chiede un trattamento più equo a livello retributivo, fiscale e pensionistico, oltre ad una intensa lotta all’evasione fiscale”. Con l’apertura al pubblico di tutte le sedi delle Associazioni territoriali e nazionali delle Federazioni aderenti, la Confederazione Cida vuole evidenziare ancora una volta uno scenario che continua ad essere svantaggioso per coloro che rappresentano la fascia produttiva e motore dell’economia del Paese. La mobilitazione nazionale è volta a sostenere il potere d’acquisto delle pensioni, promuovere una maggiore equità fiscale, incrementare le risorse disponibili per le famiglie e le imprese e rafforzare il welfare pubblico.

Ecco le richieste nel dettaglio. Sostenere il potere d’acquisto delle pensioni: applicare la perequazione per scaglioni in base all’art. 34 comma 1 legge 448/98 e all’art. 69, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; dare trasparenza e consentire la reale sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico: separare in maniera contabile la previdenza dall’assistenza; dare maggiori opportunità di crescita retributiva: abolire il divieto di cumulo fra redditi e pensioni di qualsiasi tipo in applicazione dell’art. 19 del decreto-legge 112/2008. E ancora valorizzare i contributi previdenziali versati dai lavoratori: eliminare i tetti sulle prestazioni pensionistiche anticipate (Legge 92/2012 e art. 24 comma 11 DL 6 dicembre 2011 n.214): una maggiore equità fiscale: eliminare il meccanismo di riduzione progressiva delle detrazioni fiscali in relazione al reddito, individuato dall’art.1 comma 629 Legge 27 dicembre 2019, n.160; aumentare le risorse disponibili a famiglie e imprese: ridurre la progressività delle aliquote Irpef evitando disparità di trattamento fra le diverse categorie di lavoratori; rafforzare il welfare pubblico a sostegno di chi ha effettivamente bisogno: attivare una vera lotta all’evasione fiscale, utilizzando tutti i dati disponibili ed evitando i condoni.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Enogastronomia, Cibus, anteprima migliori vini italiani con mozzarella di bufala campana Dop

23 Aprile 2024
Parma, 23 apr. (Labitalia) – Al Cibus di Parma, dal 7 al 10 maggio, il Consorzio di tutela chiude…

Formazione, Fondirigenti: 10 milioni di euro per piani su competenze digitali per competitività impresa

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos/Labitalia) – E’ dedicato all’innovazione digitale il primo Avviso nazion…

Andrea Pietrini: da manager licenziato a imprenditore di successo

23 Aprile 2024
(Adnkronos) – Quando perdere il lavoro può diventare un’opportunità. Tra le soluzioni innovative …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI