app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Lo stipendio? Non basta più, priorità è flessibilità, benessere e smartworking

11 Aprile 2023

Roma, 10 apr. (Adnkronos/Labitalia) – Felicità. Potremmo riassumere in questo modo quello che, secondo un’indagine che Hunters Group (società di ricerca e selezione di personale qualificato) chiedono i lavoratori italiani. Andando più nel dettaglio, scopriamo che i classici benefit materiali (come ad esempio auto aziendale, smartphone o buoni pasto) non sono più la priorità. Sono flessibilità oraria, attenzione al benessere psico-fisico e smart working a fare davvero la differenza.

“Non dobbiamo cadere nell’errore – precisa Marta Arcoria, Hr manager di Hunters Group, società di ricerca e selezione di personale altamente qualificato – di pensare che parlare di felicità al lavoro sia fuori luogo. Tralasciando i vari job title evocativi o quelle che potremmo definire mode passeggere, il concetto di felicità (inteso, ovviamente, in senso ampio) è molto importante per tutti i lavoratori, indipendentemente dal ruolo, dalla tipologia di azienda o dagli anni di esperienza”.

“Gli ultimi tre anni, lo sappiamo, hanno ridisegnato completamente i modelli organizzativi e modificato radicalmente i desideri dei candidati. Abbiamo visto come stipendio e benefit materiali non possano più essere sufficienti per trattenere un talento o per portarlo a bordo, ma dal nostro sondaggio appare evidente come il quadro sia, ancora una volta, cambiato: oggi sono indispensabili flessibilità oraria, attenzione al benessere psico-fisico e smart working perché, davvero, stare bene anche in ufficio è fondamentale”, aggiunge.

Ma cosa desiderano i candidati italiani? Dal sondaggio condotto tra oltre 1.500 candidati, emerge un quadro molto chiaro: il 47% dei lavoratori italiani preferisce la flessibilità oraria e lo smart working, per avere così la possibilità di poter bilanciare, nel modo migliore possibile, vita professionale e vita privata. Il 42% dei candidati, invece, preferisce un ambiente di lavoro sereno e la possibilità di crescita professionale. Si tratta di elementi che, in un modo o nell’altro, possono contribuire a migliorare il benessere dei lavoratori e, di conseguenza, a ridurre i livelli di stress. Sembrerebbero meno importanti, invece, i benefit materiali, scelti soltanto dall’11% dei candidati.

Sono i lavoratori più giovani a non voler assolutamente rinunciare allo smart working e alla flessibilità oraria, mentre chi ha maturato più esperienza punta soprattutto a benefit materiali, come l’auto aziendale e premi immediati, come i buoni shopping.

“A livello generale – aggiunge Marta Arcoria – i benefit rappresentano, in maniera sempre più marcata, una forte leva di motivazione dei dipendenti attuali e potenziali. Le aziende devono necessariamente tenere in considerazione il valore che questi fattori possono avere per le persone. Non dimentichiamo, infatti, che non è raro che un candidato prediliga, a parità di trattamento economico, una azienda attenta al benessere dei propri collaboratori e che abbia valori in cui sia più facile rispecchiarsi. E il benessere si misura anche attraverso elementi che, in molti casi, vengono considerati secondari. Ma sulla felicità nessuno è più disposto a negoziare”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Engineering, da Dekra la certificazione per parità di genere

18 Luglio 2024
Roma, 18 lug. (Adnkronos/Labitalia) – Engineering, leader nei processi di digitalizzazione per az…

IA: Aton IT festeggia 10 anni e guarda al futuro con nuove tecnologie puntando sulle persone

18 Luglio 2024
Roma, 18 lug. (Labitalia) – Un anniversario decennale che diventa la base su cui partire e costru…

Infortuni, Palazzoli (Inca Cgil): “Dati sottostimati, molto spesso non si denunciano”

18 Luglio 2024
Roma, 18 lug. (Adnkronos/Labitalia) – “Gli ultimi dati certificati dall’Inail, e non dalla Cgil, …

Inca Cgil: “In aumento neoplasie professionali, troppi lavoratori esposti a fattori cancerogeni”

18 Luglio 2024
Roma, 18 lug. (Adnkronos/Labitalia) – “Secondo le nostre banche dati, e anche secondo l’Inail, le…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI