app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Manovra: Cuzzilla (Cida), ‘servono misure di ampio respiro orientate alla crescita strutturale’

Novembre 28, 2023

Roma, 28 nov. (Labitalia) – “Sappiamo bene che la manovra di bilancio è stata fatta con le risorse economiche che il Governo aveva a disposizione ma voglio essere chiaro: a farne le spese non può essere sempre la classe media”. Questo quanto ribadito da Stefano Cuzzilla, presidente Cida, nel corso dell’incontro che si è svolto oggi a Palazzo Chigi tra il governo e i rappresentanti sindacali.

“Nei proclami – ha avvertito – i dirigenti e le alte professionalità, i medici, i presidi, i ricercatori sono coloro su cui tutti intendono puntare per il rilancio del sistema, per la riuscita del Pnrr, per la transizione ecologica e digitale, nei fatti però sono quelli che subiscono di più la Manovra. Abbiamo apprezzato gli sforzi fatti ad esempio nei confronti delle lavoratrici, penso alla decontribuzione per l’assunzione o all’aumento del bonus per gli asili nido, ma le disposizioni relative al taglio del cuneo fiscale, all’accorpamento delle aliquote Irpef, l’incostituzionalità del blocco della perequazione e altri provvedimenti previsti nel ddl sono misure punitive nei confronti della parte più intraprendente della nostra economia che rischiano di compromettere la produttività del sistema e il futuro dei nostri giovani. Gli stessi giovani che vedono i loro nonni diventare sempre più poveri. I nostri pensionati che in un solo anno – ha sottolineato con preoccupazione Cuzzilla – hanno perso circa il 10% del potere d’acquisto e non oso pensare cosa succederà nel 2024 quando la perequazione per queste pensioni si fermerà al 22%, con un aggravio del 10% rispetto a quanto previsto per il 2023”.

Il presidente Cuzzilla ha concluso chiedendo al Governo “misure con un respiro più ampio, orientate alla crescita strutturale e duratura come soluzione per ridurre il debito pubblico che pesa sulle generazioni presenti e future”. Proprio in questi giorni Cida ha lanciato la petizione “Salviamo il ceto medio”, sottoscritta già da oltre 21mila persone, per salvaguardare tutti i contribuenti da lavoro o da pensione da 35 mila euro lordi in su che nel corso degli anni hanno subito ripetuti interventi iniqui e che anche in quest’ultima ultima legge di bilancio sono stati penalizzati (Link alla petizione https://chng.it/BqMygYymLB).

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Sicurezza nei cantieri, De Salvo della Chemichal Spa: «Con la tecnologia tragedie come quella di Firenze potevano essere prevenute»

(Adnkronos) – Il ceo dell’azienda di Potenza che ha ideato una piattaforma in cloud unica in Ital…

Giovanni Maugeri: “Sfatiamo un mito: a molti direttori d’albergo manca una formazione manageriale. Ecco come potenziare le competenze chiave”

(Adnkronos) – Le conoscenze manageriali sono indispensabili per il successo del direttore d’alber…

Ex Ilva: Cuzzilla (Federmanager), ‘bene la nomina del commissario Quaranta’

Roma, 21 feb. (Labitalia) – Federmanager plaude alla nomina da parte del ministro delle Imprese e…

Crollo Firenze, Cifa Italia: “Creare sistema di rating di qualità delle imprese”

Firenze, 21 feb. (Labitalia) – “La tragedia di Firenze deve farci riflettere su un tema di primar…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI