app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Sanpellegrino, nel 2022 generati 2,5 mld euro lungo filiera pari a 0,13% del Pil nazionale

3 Maggio 2023

Roma, 3 mag. (Adnkronos/Labitalia) – Sanpellegrino, azienda di riferimento nel settore delle acque minerali e delle bibite non alcoliche, conferma il ruolo di primo piano nello scenario economico nazionale, con quasi 2,5 miliardi di euro di valore condiviso generato nel 2022, in crescita del 10% rispetto all’anno precedente. Il Gruppo e l’indotto contribuiscono, con 918 milioni di euro, allo 0,2% delle entrate fiscali dello Stato italiano e concorre a creare 44.180 posti di lavoro, che corrispondono allo 0,17% degli occupati totali in Italia nel 2022. Questi dati emergono dallo studio ‘Sanpellegrino crea valore per l’Italia’ realizzato da Althesys Strategic Consultant, che fotografa e analizza le ricadute socio-economiche dell’attività del Gruppo sul Paese, lungo l’intera catena produzione-consumo nel corso del 2022.

Il valore condiviso creato da Sanpellegrino corrisponde a quasi 3 volte il fatturato di gruppo e allo 0,13% del Pil nazionale. Questo valore generato corrisponde circa al 28% della produzione del comparto delle acque minerali, succhi e bevande analcoliche e al 2% della produzione dell’industria alimentare del Paese.

L’analisi effettuata ha permesso di determinare le ricadute socio-economiche prodotte dall’azienda partendo dal calcolo del valore generato attraverso i fornitori del Gruppo, pari a 247 milioni di euro, al quale si somma quello della produzione, di 433 milioni di euro, del sistema logistico, 17 milioni di euro, e dei canali di distribuzione e vendita, che corrispondono a 1,79 miliardi di euro. Nello specifico, il settore del consumo fuori casa genera 1,6 miliardi di euro. I 2,5 miliardi di euro che Sanpellegrino ha contribuito a generare sono composti da 310 milioni di euro di ricadute dirette del gruppo, 1.365 milioni di euro di ricadute indirette dalle attività della filiera e 817 milioni di euro di ricadute indotte. Inoltre, il 96% delle ricadute del valore condiviso creato non è trattenuto dall’azienda ma distribuito a Stato, altre aziende dell’indotto e lavoratori.

“Sanpellegrino è orgogliosa di confermare anche per il 2022 il proprio significativo contributo al sistema socio-economico italiano. Da sempre la nostra politica aziendale, orientata alla creazione di valore condiviso, ci spinge a scelte strategiche di crescita e di investimento per favorire uno sviluppo economico, ambientale e sociale, a beneficio delle comunità e dei territori in cui operiamo. E i risultati dello studio Althesys confermano la bontà delle nostre scelte: ogni euro di valore condiviso creato da Sanpellegrino in fase di produzione ne genera 5,8 sull’intera filiera. Non dobbiamo poi dimenticare i benefici che derivano sul fronte dell’occupazione: per ognuna delle nostre persone, l’azienda genera in maniera indiretta o indotta circa 29 posti di lavoro, per un totale di 44.180 impieghi complessivi”, ha dichiarato Michel Beneventi, amministratore delegato del Gruppo Sanpellegrino.

Entrando più nel dettaglio delle ricadute occupazionali, lo studio rivela che, dei 29 posti di lavoro creati, 21 sono all’interno della filiera, per un totale di 32.615 addetti, pari allo 0,13% degli occupati in Italia nel 2022. Complessivamente, Sanpellegrino nello stesso anno ha contribuito a generare, 765 milioni di euro di salari lungo la filiera che equivalgono al consumo annuale medio di 26.151 famiglie e la maggior parte dell’occupazione è creata a valle, nel settore dell’HoReCa.

Il Gruppo, che con i suoi marchi internazionali, acqua minerale S.Pellegrino, Acqua Panna e Bibite Sanpellegrino, è presente in oltre 150 paesi, oltre a contribuire allo sviluppo socio-economico delle comunità in cui è presente e al rafforzamento della filiera in cui opera, promuove attraverso i propri prodotti il meglio del made in Italy, creando valore per l’Italia nel mondo.

Il valore generato da Sanpellegrino, tuttavia, va oltre le ricadute economiche e occupazionali e si concretizza in numerose azioni volte a salvaguardare le risorse idriche, per assicurarne la disponibilità alle generazioni future. Molteplici sono, infatti, le iniziative messe in campo per preservare le sorgenti e i territori circostanti, come la certificazione di tutti gli stabilimenti del gruppo secondo lo standard internazionale Alliance for Water Stewardship (AWS) entro il 2025. A oggi sono già due i siti ad aver ottenuto questo prestigioso riconoscimento: Acqua Panna a Scarperia (FI) e S.Pellegrino a San Pellegrino Terme (BG).

Sanpellegrino ha, inoltre, avviato collaborazioni con le comunità locali e con le realtà presenti sul territorio dove opera con i suoi siti produttivi per identificare e sostenere una serie di progetti con i quali contribuire in modo concreto a rigenerare i cicli idrologici di queste zone.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

UTOPIA – Il Viaggio ed.2024: con la Città Ideale il Larp entra nelle scuole romane

20 Maggio 2024
(Adnkronos) – 20 maggio 2024. Più di 100 alunni provenienti da istituti secondari romani, di prim…

Felicita’ in fabbrica: una necessita’. Gallina (CCIA Torino), ’Serve rigore morale’

20 Maggio 2024
(Adnkronos) – 20 maggio 2024. La digitalizzazione ci ha condotto ad un sempre maggior grado di ci…

Campus Bio-Medico di Roma nella top ten italiana dei giovani atenei mondiali

20 Maggio 2024
Roma, 20 mag. (Adnkronos/Labitalia) – Entra nella top ten delle giovani università italiane con m…

Università Campus Bio-Medico di Roma nella top ten italiana dei giovani atenei mondiali

20 Maggio 2024
Roma, 20 mag. (Adnkronos/Labitalia) – Entra nella top ten delle giovani università italiane con m…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI