app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Ucraina: Rosati (IoInvesto academy), ‘cambiare logica investimenti immobiliari’

3 Marzo 2022

Roma, 3 mar. (Labitalia) – Guerra e inflazione, come cambiano le logiche di investimento immobiliare? A rispondere è Cesare Rosati, esperto e imprenditore che da anni si occupa di formazione sugli investimenti immobiliari con IoInvesto academy. “Veniamo – dice – da un lungo periodo di deflazione o comunque di inflazione molto bassa, di fatto stagnante. Oggi, con un aumento così importante, anche tutte le logiche di investimento immobiliare devono necessariamente cambiare. Comprando un immobile per un investimento sul lungo periodo, ad esempio, si ottiene il risultato di riparare i soldi dall’inflazione, ma anche di non guadagnare nulla”.

“Se si rapporta – spiega – la capacità economica di rivendita dello stesso immobile alla probabile inflazione che ci sarà, il rischio è proprio quello di ritrovarsi con un nulla di fatto in mano”.

Il giovane imprenditore sottolinea anche il problema dei mutui e dei redditi, in un’ottica di investimenti, in cui il cambio di visione diventa imprescindibile. “Le logiche di investimento cambiano – prosegue Rosati – e non è più pensabile continuare a ragionare come è stato fatto negli ultimi dieci anni. Oggi persino la possibilità di prendere un mutuo si fa più difficile, perché la Banca Centrale Europea ha un’arma per moderare l’inflazione: aumentare i tassi di interesse. Con l’aumento dei tassi di interesse, quindi, le rate dei mutui sono destinate a salire entro qualche anno”.

“Questo meccanismo – sottolinea – comporterà un rallentamento fisiologico delle compravendite, com’è già successo in tempi non sospetti. Nel breve periodo, invece, comprare immobili sarà ancora conveniente perché a fare da contrappeso a un’inflazione alta ci sono tassi di interesse ancora bassi. Acquistare con tasso fisso e mettere l’immobile in affitto è tuttora redditizio, perché l’affitto si rivaluta anno dopo anno grazie a contratti che prevedono un riallineamento su base Istat del canone. Più aumenta l’inflazione, insomma, più aumenta l’affitto”.

Parlando di numeri, l’esperto spiega che “l’ideale è comprare per generare rendite superiori al 5%: se per esempio la rendita produce un 12%, con l’inflazione che galoppa al 5%, il 7% di margine è un margine interessante. Un’altra cosa interessante per generare liquidità è acquistare immobili per rivenderli nel breve periodo: con un 35-42% netto annuo, anche se l’inflazione arriva al 10%, i soldi si sono rivalutati”.

“Per quanto riguarda la tutela del patrimonio occorre fare investimenti che superino l’inflazione. Se l’inflazione è al 5%, la rendita annuale dell’affitto deve essere superiore al 5% (8-12%). Se si vuole guadagnare nel breve periodo dalla rivendita dell’immobile, il ritorno deve essere almeno del 30% sul capitale investito”, conclude l’esperto Cesare Rosati.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Agricoltura, al centro dell’assemblea Aeiar i temi dell’accesso alla terra, della sicurezza alimentare e dell’osservazione satellitare

25 Maggio 2024
Roma, 24 mag. – (Adnkronos) – Si è conclusa l’assemblea annuale dell’Aeiar, l’Associazione europe…

Professioni, De Luca: “Consulente del lavoro figura sempre più strategica e centrale”

25 Maggio 2024
Roma, 25 mag. (Adnkronos/Labitalia) – “Quella del consulente del lavoro si conferma una professio…

Crescono laureati Stem, ma solo per 14 donne su mille indirizzi scientifici e tecnologici

24 Maggio 2024
Roma, 24 mag. (Adnkronos/Labitalia) – Se tra i laureati italiani crescono le donne (76,8 ogni mil…

Formazione, Pasinelli (Fond. Diasorin): “Questa gioventù straordinaria è il futuro dell’Italia”

23 Maggio 2024
Torino, 23 mag. (Adnkronos/Labitalia) – La fase finale e premiazione dell’ottava edizione di Mad …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI