app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Vendemmia 2023 in ulteriore riduzione, calo da 20 a 24% su 2022

Novembre 30, 2023

Roma, 29 nov. (Adnkronos) – Si ferma all’interno di una forbice tra 38 e 40 milioni di ettolitri la produzione vitivinicola italiana 2023. È quanto emerge dalla revisione delle stime annunciate a settembre dall’Osservatorio Assoenologi, Ismea e Unione italiana vini (Uiv), che ha registrato un ulteriore alleggerimento rispetto ai valori della vendemmia 2022. Si prevede che la contrazione raggiunga quindi un range variabile tra il -20% e -24%, al netto di eventuali prodotti a monte del vino (quali mosti, vini nuovi in fermentazione, ecc.) acquistati da altri Paesi Ue, anziché il -12% preventivato a settembre.

Il calo produttivo, che coinvolge praticamente tutto lo Stivale, è stato determinato in particolare dalla riduzione del raccolto nelle principali regioni produttive del Nord, Veneto (-10%) e Piemonte (-17%), ma vede stime sensibilmente peggiorative anche per le big del vino nelle altre macroaree italiane: Toscana (-30%), Puglia (-30%), Abruzzo (-60%) e Sicilia (-45%). In particolare, si rileva una riduzione media complessiva attorno al -9,5% al Nord, -29,5% al Centro, e -38,2% al Sud. I dati definitivi saranno comunque resi noti il prossimo anno dagli uffici competenti del Masaf.

Secondo l’Osservatorio Assoenologi, Ismea e Uiv, l’ulteriore diminuzione è da imputare, in primis, a un’estate settembrina che si è prolungata per tutto il mese con sole e temperature massime spesso oltre i 30 gradi. Caldo e mancanza di piogge da una parte hanno sicuramente influito positivamente sulla qualità delle uve, dall’altra hanno determinato un alleggerimento dei frutti, con una conseguente riduzione volumica del raccolto.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Giovanni Maugeri: “Sfatiamo un mito: a molti direttori d’albergo manca una formazione manageriale. Ecco come potenziare le competenze chiave”

(Adnkronos) – Le conoscenze manageriali sono indispensabili per il successo del direttore d’alber…

Ex Ilva: Cuzzilla (Federmanager), ‘bene la nomina del commissario Quaranta’

Roma, 21 feb. (Labitalia) – Federmanager plaude alla nomina da parte del ministro delle Imprese e…

Crollo Firenze, Cifa Italia: “Creare sistema di rating di qualità delle imprese”

Firenze, 21 feb. (Labitalia) – “La tragedia di Firenze deve farci riflettere su un tema di primar…

Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti

Roma, 21 feb. (Labitalia) – Influencer no, recensioni on line sì. Gli italiani si fidano poco deg…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI