app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

**25 aprile: Parenzo, ‘c’ero come ogni anno, non capisco di cosa mi accusino gli studenti’**

26 Aprile 2024

Roma, 26 apr. (Adnkronos) – “Non ho capito di che cosa mi accusino questi ragazzi dei collettivi, non mi fa piacere essere finito nel mirino di queste persone, essendo uno non solo per la libertà di parola, ma che in tutte le mie trasmissioni ha sempre invitato tutte le voci per dare massima visibilità a tutte le posizioni, anche quelle più lontane da me”. A dirlo all’Adnkronos è David Parenzo, che interviene dopo le polemiche scatenate dal sit in fuori dagli studi di La7 degli studenti delle organizzazioni Cambiare Rotta e Osa, in cui è stata criticata la presenza del giornalista con la Brigata Ebraica alla manifestazione per il 25 aprile a Roma.

“Io c’ero come ogni anno, questo ci tengo a precisarlo -spiega Parenzo – Sono arrivato lì scortato, perché oggi purtroppo se non hai la protezione rischi, ed ero con il rabbino capo, il professor Riccardo Di Segni, con Victor Fadlun, e l’ex presidente della comunità ebraica di Roma. Sono andato con loro, sono stato alla deposizione della corona della Brigata ebraica, poi me ne sono ritornato a casa. C’era la comunità ebraica, c’erano un sacco di persone, ero lì alle 8 del mattino, e alle 8.50 ero già negli studi televisivi, a preparare la mia trasmissione”.

Parenzo scandisce quindi di non essersi accorto nel dettaglio di ciò che accadeva in piazza: “Non ho visto cosa succedeva, sono arrivato scortato e sono andato via scortato -specifica- Non ho mai urlato niente a nessuno, né ho urlato alcun tipo di slogan. Ho fatto quello che faccio tutti gli anni”. Il giornalista poi spiega nel merito la sua posizione: “Io condanno ogni forma di violenza, ogni aggressione, quindi non ho nulla da temere da questo punto di vista”, prosegue. “Non ho idea di cosa mi contestino, è chiaro che sono finito nel mirino di questi antagonisti”. Il giornalista rivela poi un dettaglio privato: “Io sono andato come ogni anno alle manifestazioni del 25 aprile, ci vado da quando ero un bambino con mio padre, peraltro oggi è il giorno del suo compleanno e noi abbiamo sempre festeggiato il 25 aprile andando in piazza. Da qualche anno lo faccio con degli amici che vogliono ricordare la Brigata ebraica”.

“Voglio dire una cosa: la Brigata ebraica non ha nulla a che vedere col conflitto tra Israele e Palestina, non c’entra con la guerra contro Hamas -aggiunge poi all’Adnkronos il giornalista di ‘La Zanzara’ – perché la Brigata ebraica è il battaglione formato da ebrei che con gli angoloamericani hanno contribuito a liberare l’Italia, quindi era un gruppo molto specifico, che non aveva nel simbolo peraltro neppure i colori della bandiera di Israele che arriva molto dopo, perché qui parliamo di prima della fondazione dello Stato di Israele, che notoriamente è avvenuta dopo la seconda guerra mondiale. Qualcuno dunque mi deve spiegare che cosa c’entrano le bandiere palestinesi con il 25 aprile, e in particolare con la brigata ebraica nulla: niente”.

Parenzo registra poi in generale un clima molto teso: “Io ho un sacco di storie di amici, di figli di amici, che vanno anche nelle università e non portano la kippah perché hanno paura. Posso raccontare un fatto personale: i miei figli vanno alla scuola ebraica e dalla divisa gli hanno tolto il simbolo. C’è una menorah, che è il logo della scuola, e per ragioni di sicurezza è stato tolto. Questo è il clima nel quale si vive, purtroppo”. Ciò nonostante “io dico: confrontiamoci, parliamo: anche caratterialmente io non sono di cultura radicale e sono proprio per il dialogo, sempre e comunque”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

TOMORROW – Trump, processo al traguardo: oggi le arringhe in aula

28 Maggio 2024
Washington, 28 mag. (Adnkronos) – Entra nelle fase finale oggi il processo a New York contro Dona…

Ucraina: Conte, ‘Salvini? Ha votato tutti gli invii di armi’

27 Maggio 2024
Roma, 27 mag. (Adnkronos) – “Salvini chiede le dimissioni di Stoltenberg? Ma se ha votato tutti g…

**Europee: Conte, ‘ci sarà sorpresa, M5S sarà in gruppo area progressista’**

27 Maggio 2024
Roma, 27 mag. (Adnkronos) – “I nostri voti in Europa sono stati determinanti per l’elezione di Vo…

Pnrr: Conte, ‘stupito da uscita scomposta Gentiloni su Next Generation’

27 Maggio 2024
Roma, 27 mag. (Adnkronos) – “Sono rimasto sorpreso e incredulo dall’uscita scomposta in campagna …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI