app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Borsellino: legale figli, ‘paese dedica più spazio a separazione Totti che a depistaggio strage’

Luglio 13, 2022

Palermo, 12 lug. (Adnkronos) – “La famiglia Borsellino, Lucia, Manfredi e Fiammetta, a questo punto, ha il sacrosanto diritto di elaborare questo lutto, dopo 30 anni”. A dirlo all’Adnkronos è l’avvocato Fabio Trizzino, legale di parte civile della famiglia Borsellino nel processo sul depistaggio sulla strage di via D’Amelio. Trizzino, che è anche il marito di Lucia Borsellino, parla a distanza di 12 ore dalla sentenza di primo grado emessa ieri sera dal Tribunale di Caltanissetta. Reato prescritto per due dei tre imputati poliziotti, Mario Bo e Fabrizio Mattei, e una assoluzione, per Michele Ribaudo. “Questa sentenza interpella, a mio giudizio, la collettività e l’opinone pubblica – dice – io mi rendo conto che questo è un paese anestetizzato che dedica più spazio alla separazione di Totti piuttosto che al depistaggio di via D’Amelio, però la collettività deve essere informata e deve cominciare a pretendere comportanti diversi e soprattutto la verità”. “Che non sarà più processuale – dice -ma la verità storica che non ha più i vincoli e condizionamenti delle regole del processo, che vanno sempre rispettate. La verità storica si pone al di fuori di ogni alto condizionamento”.

“Comunque, noi guarderemo con favore alle altre iniziative di tipo processuale che si vorranno mettere in campo ma dobbiamo essere chiari – spiega ancora l’avvocato Trizzino all’Adnkronos – l’esercizio della potestà punitiva deve avvenire in tempo congruo, ogni altri iniziativa rischia di divenire una occasione per non consentire alla famiglia di elaborare questo lutto. Noi questo diritto lo abbiamo”. “La sentenza di ieri che a caldo ho definito minimalista ha una sua grande importanza – aggiunge poi Trizzino – perché viene riconosciuta la calunnia in quanto commessa da Bo e Mattei, questo è un lato fondamentale. La calunnia, benché prescritta – i processi fatti dopo 28 anni portano a questo – commessa in concorso con Scarantino e Andriotta, consolida lo scenario descritto nella sentenza del processo Borsellino quater. Quindi, il depistaggio c’è stato e semplicemente il ritardo nell’esercizio della giurisdizione che ha determinato le relative conseguenze penali”.

“Sotto il profilo morale e delle conseguenze risarcitorie e civili lo Stato, se questo verdetto resisterò fino in cassazione, dovrà rendere conto di questo importantissimo sviamento dal percorso di verità processuale che è stato compiuto da uomini dello Stato che hanno abusato della propria funzione e disatteso il giuramento di fedeltà alla Costituzione e che è avvenuto non nell’ambito di un furto di motorino ma di una delle più gravi stragi della storia repubblicana in cui ha perso la vita uno dei più importanti servitori dello Stato con i suoi angeli custodi”, dice ancora l’avvocato Fabio Trizzino.

“Quindi, rifuggiamo da qualunque approccio entusiastico rispetto alla prescrizione, perché il dato che rimane è che la calunnia e il depistaggio è stato compiuto, mi aspetto delle motivazioni e che si sia dato ampio risalto al convitato di pietra del processo Arnaldo La Barbera, dal momento che la responsabilità ascritta a Bo e Mattei si appalesano come esercizio di ordini provenienti da colui che si può considerare il vero dominus del depistaggio, il capo della mobile di allora nonché poi questore di Palermo Arnaldo La Barbera”. (di Elvira Terranova)

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl