app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Calcio: Iran, ex nazionale Ghafouri in carcere per propaganda contro lo Stato

Novembre 24, 2022

Roma, 24 nov. – (Adnkronos) – Arrestato davanti al figlio, dopo un allenamento. Portato in carcere con l’accusa di aver “insultato e infangato la reputazione della nazione e di aver fatto propaganda” contro lo Stato. Questa la sorte toccata a Voria Ghafouri, calciatore iraniano, non impegnato ai mondiali ma per 28 volte in campo con la nazionale dell’Iran. I suoi compagni, in Qatar, si sono rifiutati di cantare l’inno contro l’Inghilterra, come segno di protesta per le violenze scoppiate nel Paese dopo la morte di Mahsa Amini, la giovane deceduta il 16 settembre mentre era in custodia della polizia per non aver indossato nel modo considerato corretto il velo. Un monito, da parte del regime teocratico di Teheran, per i nazionali iraniani, attesi ora dalla seconda sfida contro il Galles. Ghafouri, difensore di 35 anni, ha origini curde e in passato ha già avuto frizioni con le autorità islamiche. Dai suoi social, ha sostenuto le proteste scoppiate nel Paese, sostenendo la battaglia per i diritti delle donne e visitando le aree popolate dai curdi per esprimere solidarietà alle famiglie vittime della repressione.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl