app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Clima, Wwf: “Ridurre stress su barriere coralline ed emissioni gas serra”

20 Aprile 2024

Roma, 20 apr. (Adnkronos) – Il Wwf afferma che l’evento globale di sbiancamento dei coralli, annunciato questa settimana dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) statunitense, “avrà gravi conseguenze negative per le comunità costiere e la salute degli oceani. L’evento globale di sbiancamento dei coralli significa che ampie fasce di barriere coralline tropicali nei tre maggiori bacini oceanici – Atlantico, Pacifico e Indiano – sono sottoposte a uno stress estremo. Uno stress sufficientemente grave o prolungato può causare la mortalità dei coralli. Questo evento – il secondo in 10 anni e il quarto in assoluto – è stato innescato dalle temperature oceaniche da record iniziate lo scorso anno. L’oceano assorbe il 90% del calore in eccesso causato dalla combustione dei combustibili fossili”. A suonare il campanello d’allarme è l’associazione ambientalista.

“Se abbiamo bisogno di un caso specifico, visivo e contemporaneo di ciò che è in gioco con ogni frazione di grado di riscaldamento, questo è il caso. L’entità e la gravità dello sbiancamento di massa dei coralli è una chiara prova dei danni che il cambiamento climatico sta provocando in questo momento. Dobbiamo agire con urgenza per smettere di bruciare combustibili fossili o perderemo le barriere coralline in tutto il mondo, con conseguenze devastanti per la biodiversità”, afferma Pepe Clarke, responsabile globale Oceani del Wwf.

Circa 850 milioni di persone in tutto il mondo dipendono dalle barriere coralline per il cibo, il lavoro e la protezione delle coste dalle tempeste. Inoltre, forniscono l’habitat a più del 25% di tutte le specie marine. La metà di tutte le barriere coralline tropicali è scomparsa nell’ultimo secolo; siamo destinati a perderne fino al 90% entro il 2050 e tutte le barriere coralline entro la fine del secolo. Una barriera corallina sbiancata non è morta, ma è gravemente stressata. Quando sono esposti a un calore prolungato – a volte con una differenza di pochi gradi – i coralli espellono le alghe benefiche che ospitano. Questo li priva del colore e delle sostanze nutritive. I coralli sbiancati possono riprendersi, ma è necessario ridurre altre fonti di stress, come la pesca eccessiva e il deflusso di inquinanti dalla terraferma. Soprattutto, le barriere coralline hanno bisogno che le temperature degli oceani si abbassino. “La crisi dei coralli è una crisi climatica e il modo più importante per affrontare le ondate di calore marine è smettere di bruciare combustibili fossili”, aggiunge Clarke.

Molte comunità costiere hanno fatto poco per contribuire al cambiamento climatico, ma sono vulnerabili agli effetti. “Abbiamo sperimentato lo sbiancamento di massa dei coralli nel 2010, poi nel 2016 e quest’anno. Quest’anno è stato peggiore, perché lo sbiancamento dei coralli non riguarda solo i loro ecosistemi, ma anche le nostre strutture di restauro. Le strutture di restauro sono uno dei nostri sforzi di conservazione attivi per far rivivere le barriere coralline, fornendo una casa per i pesci della barriera e un’attrazione turistica legata al nostro reddito locale. Spero davvero che lo sbiancamento non faccia morire i coralli, se così fosse il nostro sforzo di conservazione attiva”, afferma Nyoman Sugiarta, responsabile del gruppo di monitoraggio della comunità dell’Area Marina Localmente Gestita di Bondalem e istruttore subacqueo del villaggio di Bondalem, Bali, Indonesia.

“Alla luce di questo evento globale di sbiancamento dei coralli, è più importante che mai proteggere le barriere coralline specifiche che hanno dimostrato una certa resilienza alle ondate di calore marino e che possono aiutare in futuro a riseminare le barriere coralline danneggiate. Dobbiamo concentrarci sulla limitazione delle pressioni dovute al sovrasfruttamento, all’inquinamento e all’eccessivo sviluppo su queste barriere resilienti per consentirne la sopravvivenza in un clima che cambia”, afferma Carol Phua, responsabile dell’iniziativa Coral Reef Rescue.

Anche la Grande Barriera Corallina australiana, famosa in tutto il mondo e inserita nella lista dell’Unesco, è tra i siti colpiti. Sta vivendo il quinto evento di sbiancamento di massa dei coralli dal 2016. “Lo sbiancamento dei coralli che si sta verificando ora sulla Grande Barriera Corallina è il risultato dell’ondata di calore sottomarino globale iniziata lo scorso anno nell’emisfero settentrionale. Le barriere coralline in Florida e nei Caraibi sono state decimate a causa dello sbiancamento nel 2023. Il destino dei coralli della Grande barriera corallina è in bilico: è necessario un significativo raffreddamento della temperatura dell’acqua per evitare un esito simile a quello dell’emisfero settentrionale. Questo evento dimostra che nessuna barriera corallina è al sicuro dagli impatti del cambiamento climatico”, sottolinea Richard Leck, responsabile Oceani del Wwf-Australia. Il Wwf invita i Paesi a prendere sul serio la mitigazione del clima. Ciò significa intensificare gli sforzi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, mettere in atto ulteriori protezioni intorno alle barriere coralline colpite mentre si riprendono (come limitare o interrompere la pesca) e ridurre le fonti di inquinamento terrestri che possono riversarsi sulle barriere coralline.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

G7: Meloni a summit filosofia, ‘valori nostra cultura e tradizione stella polare’

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos) – “Gentile sindaco Cannito, desidero rivolgere il mio saluto agli illus…

Europee: Castelli (Libertà), ‘Lega finta antieuropeista, superiamo 4%’

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos) – “La Lega scrive sui manifesti lo slogan ‘Meno europa, più Italia’ e c…

Hong Kong: Terzi, ‘video deep fake parte del modus operandi cinese’

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos) – “Questa mattina la Cnn ha trasmesso un servizio allarmante: video di …

Ungheria: Bonelli e Fratoianni, ‘Tajani non dice verità, Salis detenuta e privata di tutto’

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos) – “Tajani non dice la verità. Per quasi un anno, Ilaria è stata detenut…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI