app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Cobat Tessile a Pitti Uomo 2024: dialogo e confronto con le aziende del settore

12 Giugno 2024

Roma, 12 giu. (Adnkronos) – A Pitti Uomo, una delle manifestazioni di riferimento del settore moda, il consorzio Cobat Tessile incontra le aziende del settore, che si stanno preparando all’entrata in vigore del regime di responsabilità estesa del produttore. In attesa che la normativa nazionale, in accordo con le Direttive Europee, regoli le attività del comparto, il consorzio è al fianco dei Produttori e Importatori che desiderano comprendere a pieno cosa comporteranno i nuovi obblighi e fare la propria parte per una filiera a ridotto impatto.

“Il dialogo con le aziende, per conoscerne a pieno esigenze e criticità, è alla base del nostro lavoro di Consorzio per la responsabilità estesa del produttore – spiega Michele Zilla, General Manager di Cobat Tessile – Il nuovo obbligo normativo in via di pubblicazione che introduce un regime di gestione del rifiuto per quanti producono e/o immettono prodotti tessili sul mercato italiano si inserisce in un quadro più ampio che vede e vedrà le aziende del settore sempre più chiamate a rispondere in termini di sostenibilità e competitività”.

“Anche nell’ambito della manifattura sartoriale, uno dei fiori all’occhiello della produzione made in Italy, è di vitale importanza che le imprese siano dotate degli strumenti per interpretare correttamente lo scenario normativo che si sta configurando. Oggi l’eleganza e la creatività non possono non essere legate a doppio filo con un’idea matura di sostenibilità”, dice Michele Zilla durante il convegno organizzato dalla rivista Arbiter presso la Fortezza da basso.

“Per un’impresa come la nostra, che produce tessuti dal 1945, protagonisti delle passerelle di grandi marchi della moda, l’innovazione è sempre stato un motore, pur poggiando sulle solide basi della tradizione. Abbiamo scelto di iscriverci a Cobat Tessile, per conoscere e gestire al meglio, dal punto di vista operativo e amministrativo, il nuovo scenario normativo in arrivo, oltre che per avere la possibilità di valutare a pieno il ruolo che avranno le imprese della filiera”, aggiunge Francesco Marini di Marini Industrie.

Oggi al consorzio aderiscono produttori che operano nel settore dei tessuti, dello sportswear, dell’alta moda e degli accessori. Le parole d’ordine, come sempre, restano i principi dell’economia circolare applicati alla filiera specifica: allungare il ciclo di vita del bene, trasformandolo in nuova materia e/o energia, a partire da una raccolta selettiva, in grado di incrementare quantità e qualità dei materiali recuperati.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Rai: Pd, ‘situazione fuori controllo, tutti contro tutti con Lega contro FdI’

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug (Adnkronos) – “Finalmente anche la maggioranza se ne accorge: la Rai è fuori control…

Parlamento: dallo sport alle liste di attesa, rush finale sui decreti alla Camera e al Senato

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug (Adnkronos) – Rush finale fino alla pausa estiva, alla Camera e al Senato, con i lav…

Rai: Ruotolo, ‘alibi farlocchi da Rainews su elezioni francesi, Petrecca deve dimettersi’

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug. (Adnkronos) – “Stanno ciurlando nel manico: la destra e il sindacato giallo della R…

Giustizia: Conte, ‘eliminiamo dai tribunali scritta ‘legge è uguale per tutti”

12 Luglio 2024
Roma, 12 lug (Adnkronos) – “Ora che la proposta di Nordio di abolire il reato di ‘abuso d’ufficio…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI