app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Corruzione: Toti pronto a difendersi nell’interrogatorio davanti ai pm

23 Maggio 2024

Genova, 23 mag. (Adnkronos) – Oggi è il giorno di Giovanni Toti. Il presidente della Regione Liguria, ai domiciliari dallo scorso 7 maggio, è pronto a difendersi davanti ai magistrati di Genova. Dopo il silenzio nell’interrogatorio di garanzia con il gip Paola Faggioni – scelta dettata, a dire della difesa, dalla necessità di leggere le oltre 9mila pagine dell’indagine – oggi risponderà alle domande dei pm Luca Monteverde e Federico Manotti, titolari dell’inchiesta in cui è accusato di corruzione elettorale, falso e voto di scambio. Un confronto che non si annuncia per nulla facile e non certo breve e che inizierà alle ore 11. Mistero sul luogo dell’interrogatorio per provare a tenere lontano lo sguardo di giornalisti e curiosi.

Accompagnato dal difensore Stefano Savi, Toti è pronto a chiarire ogni aspetto di una vicenda che ha segnato un vero terremoto nella politica ligure. Ai magistrati dovrà spiegare i rapporti con l’imprenditore Aldo Spinelli, le presunte pressioni ricevute sul porto di Genova, l’ipotetico pressing per la concessione trentennale del terminal Rinfuse e i bonifici sospetti al Comitato che porta il suo nome, alcuni dirottati sul suo conto personale, secondo la tesi della procura che contesta 55mila euro transitati, in tre bonifici eseguiti tra il 10 giugno e il 20 ottobre 2022 (tra le amministrative e le politiche di quell’anno), dalle casse del Comitato lista Toti a un suo conto corrente personale. Soldi usati – sostiene da sempre la difesa – solo per spese politiche.

Il governatore ligure dovrà rispondere anche di corruzione elettorale per l’accusa di voto di scambio alle Regionali del 2020 e del suo rapporto con i gemelli Testa, i ‘Riesini’ che al quartiere Certosa, avrebbero controllato circa 400 preferenze. Sono quattro le competizioni elettorali (amministrative di Savona e Genova, nazionali del settembre 2022 ed elezioni di Ventimiglia e Sarzana) in cui Toti “pressato dalla necessità di reperire fondi per affrontare la campagna elettorale, ha messo a disposizione la propria funzione, i propri poteri e il proprio ruolo, in favore di interessi privati, in cambio di finanziamenti, reiterando il meccanismo con diversi imprenditori” e così “abdicando” ai “propri importanti doveri istituzionali”. Solo dopo l’interrogatorio, la difesa presenterà istanza per la revoca dei domiciliari, condizione necessaria per il confronto con la sua maggioranza che potrebbe portare Toti alla scelta delle dimissioni.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Mille Miglia 2024, Vesco e Salvinelli campioni per la quarta vola consecutiva

15 Giugno 2024
Brescia, 15 giu. – (Adnkronos) – Andrea Vesco e Fabio Salvinelli ancora vincitori alla 1000 Migli…

Mille miglia, oggi l’ultima tappa

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. – (Adnkronos) – Dopo quasi 2000 chilometri percorsi si è ormai giunti alla pagina c…

Roma pride: Gasparri, ‘una medaglia essere insultato da allievi dottor Mengele’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “Apprendo che durante la manifestazione degli omosessuali a Roma, Gio…

Torino pride: Gribaudo, ‘boccata ossigeno dopo settimana orribile’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “Dopo una settimana orribile in cui, ancora una volta, le destre hann…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI