app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

**Elezioni: Scotto (Art.1), ‘sì a Letta, ma agenda sia socialista e green non quella Draghi’**

Luglio 25, 2022

Roma, 25 lug (Adnkronos) – La lista Democratici e progressisti annunciata da Enrico Letta “è un segnale” nell’ambito di una discussione “che era già avviata da tempo”. Ma “il punto è costruire una proposta programmatica forte e un impianto visibile di discontinuità”. Arturo Scotto, coordinatore di Articolo uno, raccoglie l’invito del Pd in vista del voto del 25 settembre e all’Adnkronos sottolinea: “Bisogna partire dall’identità delle operazioni politiche e l’identità dei Democratici e progressisti deve avere una agenda socialista e ecologista”.

Come ‘piattaforma’ dei progressisti, anche dentro il Pd, si parla dell’agenda Draghi, che ne pensa? “Questa discussione sull’agenda Draghi mi pare molto scolastica. Non può esistere una agenda Draghi visto che il governo Draghi nasce senza formula politica. E in campagna elettorale non puoi presentarti senza formula politica, sei invisibile”, sottolinea il dirigente del partito di Roberto Speranza alla vigilia della riunione degli organismi sulle scelte elettorali.

Come giudica il dibattito sulle alleanze? “Sono molto cauto. In una coalizione progressista fa fatica a starci chi sostiene la transizione verso il nucleare. Così come mi sembra impossibile stare in coalizione con chi raccoglie firme contro il reddito di cittadinanza e fa campagna contro i poveri”, dice l’esponente di Articolo uno.

(Adnkronos) – Proprio a proposito delle alleanze, Scotto sottolinea: “Il nodo per me è qual è lo schema più efficace per evitare che la destra faccia cappotto, prenda 2/3 dei seggi uninominali e magari cambi da sola la Costituzione in senso presidenzialista. Su questo un supplemento di riflessione ci vuole, bisogna studiare i meccanismi. Dire ‘mai più alleanza’ in politica dovrebbe essere un tabù”.

Il supplemento di riflessione ci vuole anche con il M5s? “Dopo l’errore grave di aver fatto cadere il governo Draghi e diventare strumento dell’estrema destra, un accordo tecnico può darsi sia una strada percorribile, un tentativo va esperito. Ma il nodo non è tanto questo, piuttosto il fatto che la lista Democratici e progressisti debba avere un impianto chiaro per la questione sociale, che non è monopolio del M5s”, replica l’esponente di Articolo 1.

E’ corretto dire che il candidato premier per i progressisti debba essere Letta? “Su questo ha risposto lo stesso Letta: decideremo tutti insieme una volta costruita la lista. Ma è evidente che il fratello maggiore ha una parola in più”, dice Scotto.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl