app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

G7: Lula, ‘una task force per vincere la fame, è l’ora di tassare i super ricchi’

14 Giugno 2024

Roma, 14 giu. (Adnkronos) – “Al G7 discuterò di alcune delle nostre priorità per la presidenza brasiliana del G20 come disuguaglianze, cambiamento climatico e riforma della governance globale. Lanceremo una task force contro la fame e la povertà aperta a tutti i Paesi, compresi quelli non membri del G20. Abbiamo anche lanciato una task force per la mobilitazione contro il cambiamento climatico per incentivare l’attuazione dell’accordo di Parigi. Il Brasile ha ridotto la deforestazione e ha invitato i Paesi più ricchi a mantenere il sostegno promesso dalla COP-15 in Danimarca di 100 miliardi di dollari per la conservazione dell’ambiente”. Lo ha detto a Repubblica il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva.

“Il Sud del mondo non è più quello di 20 anni fa, quando fui presidente per la prima volta – ha spiegato Lula – Allora volevamo espandere la cooperazione Sud-Sud, adesso abbiamo nuove rotte per il commercio e gli investimenti. Il G20 è molto rappresentativo, comprende l’Unione Africana, i Paesi del G7, che tra parentesi non sono più le sette maggiori economie mondiali, e i Brics. Se il G20 fosse stato rafforzato, questi blocchi non avrebbero bisogno di esistere. Vogliamo riformare istituzioni globali che invecchiano, come quelle di Bretton Woods, ferme agli anni Quaranta. Sosteniamo la tassazione dei super-ricchi. Un gruppo di soli 3.000 individui concentra la ricchezza del pianeta. Se mettessimo una tassa del 2 per cento, si aiuterebbe a eliminare la fame nel mondo. Tremila miliardari possiedono quasi 15 mila miliardi di dollari. Il Brasile sostiene misure per far fronte al debito delle economie in via di sviluppo. Dobbiamo convertire il debito impagabile in asset e progetti infrastrutturali, soprattutto quelli delle transizioni energetiche in Africa, Asia e America Latina”.

Riguardo la vittoria delle destre alle ultime Europee, Lula mostra la propria preoccupazione: “La democrazia per come la conosciamo è a rischio. L’unico modo per combattere l’estremismo è promuovere più democrazia tra le persone. Democrazia con contenuti, che apporti miglioramenti concreti alla vita di tutti. I risultati delle elezioni dimostrano che in Europa esiste comunque una maggioranza di individui democratici e favorevoli all’integrazione”. Quanto al futuro per la sinistra, il presidente del Brasile afferma che “combattere le disuguaglianze e la povertà e promuovere i valori umanisti è oggi più importante che mai. Tuttavia, molte persone non riescono a vederlo, immerse nell’individualismo e nelle illusioni promosse dai social media. I partiti democratici e di sinistra devono fornire nuove risposte politiche ai problemi di oggi in un linguaggio e in un modo che possano parlare alla gente attraverso gli attuali mezzi di comunicazione, proteggendo i lavoratori nel nuovo mercato del lavoro, definito dalla digitalizzazione e dall’intelligenza artificiale, e stando vicini alle persone nei loro quartieri, sul posto di lavoro e nei social media”.

Parlando della proposta di Cina e Brasile per un negoziato di pace che porti allo stesso tavolo Ucraina e Russia, che secondo Zelensky è un regalo a Putin perché legittima l’invasione e apre alla legittimazione di altre invasioni, Lula afferma che “il Brasile ha condannato l’invasione russa dell’Ucraina. Tuttavia, crediamo che non ci sarà una soluzione militare a questo conflitto, né che un Paese possa negoziare la pace da solo senza considerare l’altra parte. Le due parti dovranno risolvere le loro divergenze al tavolo delle trattative. Come diceva l’ex segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, la pace non si fa tra amici, è fatta tra i nemici. L’Onu è debole, e i Paesi che hanno promosso le invasioni negli ultimi decenni, ad esempio dell’Iraq e della Libia, sono proprio i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. È necessario riformare l’Onu, ampliando il Consiglio e togliendo il potere di veto”.

Quanto alla guerra a Gaza, il presidente del Brasile afferma di “non sapere se il primo ministro israeliano sia interessato al successo della road map sostenuta da Biden per la fine della guerra. Ma spero che lo sia. Il mondo intero attende con ansia la fine della guerra e la liberazione degli ostaggi. La gente di Gaza ha sofferto abbastanza. Il cessate il fuoco deve essere il primo passo verso l’unica via d’uscita, ovvero la soluzione di creare due Stati indipendenti e vitali”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

**C.sinistra: Calenda, ‘Renzi? Faccio un grande in bocca al lupo a Schlein…’**

25 Luglio 2024
Roma, 25 lug. (Adnkronos) – “Renzi? Faccio un grandioso in bocca al lupo a Elly Schein, lo dico p…

Sanità, Marino (Unindustria): “Dl liste attesa primo passo ma serviranno risorse”

25 Luglio 2024
Roma, 25 lug. (Adnkronos Salute) – “Accogliamo con favore e fiducia l’approvazione del Dl liste d…

Referendum: Magi, ‘vittoria +Europa, ora firma digitale per l’autonomia’

25 Luglio 2024
Roma, 25 lug (Adnkronos) – “Finalmente ci siamo: è possibile firmare i referendum con firma digit…

Camera: domani conferenza stampa ex parlamentari su sentenza vitalizi, ‘illegittima’

25 Luglio 2024
Roma, 25 lug. (Adnkronos) – Domani alle 11.30 conferenza stampa alla Camera promossa dall’associa…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI