app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Imprese: Unioncamere, in 12 mesi +8,7% guidate da stranieri, presenti in 94% comuni

Giugno 18, 2022

Roma, 18 giu. (Adnkronos) – Con quasi 650mila imprese, il 10,7% del totale, alla fine di marzo 2022 l’imprenditoria straniera si conferma una componente strutturale del tessuto imprenditoriale italiano, presente nel 94% dei comuni italiani e capace di attraversare indenne, allargando il proprio perimetro, l’emergenza Covid. Nel periodo compreso tra la fine di marzo 2020 e il 31 marzo di quest’anno, il numero di imprese guidate da persone nate fuori dai confini nazionali è cresciuto di 54mila unità (+8,7% contro una crescita media del totale delle imprese del 2,3% nel periodo). E’ quanto emerge dai dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio elaborati da Unioncamere-InfoCamere nel periodo che va dal 31 marzo 2020, coincidente con l’avvio della fase di emergenza sanitaria, e il 31 marzo di quest’anno, ultimo rilevamento disponibile dell’analisi Movimprese sull’andamento della demografia delle imprese italiane.

A fare da volano, come per il resto del tessuto imprenditoriale del Paese, hanno contribuito gli incentivi al recupero del patrimonio edilizio: il 39% di tutto l’incremento delle imprese di stranieri si è infatti registrato nel settore delle costruzioni (+20.974 unità).

Nel periodo contraddistinto dalla pandemia, l’incremento più consistente di attività guidate da persone nate fuori dai confini nazionali si è registrato in Lombardia, con 11.005 imprese in più negli ultimi due anni (+9,3%) che si conferma altresì la regione leader, con distacco, per presenza di imprenditoria straniera (124.106 le attività alla fine di marzo di quest’anno). In termini relativi, la dinamica più accentuata si è invece avuta nelle vicine regioni dell’arco alpino, a partire dalla piccola Valle d’Aosta (+14,0%), Trentino alto Adige (+12,7%), Piemonte (+11,4%) e Liguria (10,8%).

A livello settoriale, in termini assoluti l’ampliamento della platea dell’imprenditoria straniera ha riguardato principalmente il settore delle costruzioni con 20.974 imprese in più nel biennio considerato. Subito dopo il commercio e i servizi alla persona, rispettivamente con 9.149 e 3.695 imprese in più. In termini relativi, la presenza di imprese di stranieri si è rafforzata nelle attività finanziarie e assicurative (+16,5%), nelle costruzioni (+15%) e nelle attività tecniche, scientifiche e professionali (+12,7%%).

Alla fine di marzo di quest’anno, la concentrazione maggiore di imprese di stranieri si registrava nel comparto del commercio al dettaglio con 158.049 attività (pari al 24,4% di tutto l’universo dell’imprenditoria straniera) e nei lavori di costruzione specializzati (127.001 imprese per una quota del 19,6% sul totale). A grande distanza seguono le attività dei servizi di ristorazione (49.782 imprese ovvero il 7,7%) e il commercio all’ingrosso (37.083 imprese pari al 5,7%).

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl