app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Inchiesta Perugia: Floridia-Piccolotti (Avs), ‘vulnerabilità banche dati preoccupante’

7 Marzo 2024

Roma, 7 mar. (Adnkronos) – “Il dato più preoccupante che emerge dalle audizioni in commissione antimafia di Melillo e Cantone riguarda la condizione di estrema vulnerabilità delle banche dati italiane dell’intero sistema giudiziario, sia rispetto ad attacchi interni di funzionari dello Stato infedeli ma, potenzialmente anche da attacchi esterni di organizzazioni criminali o terroristiche che potrebbero essere interessate a proteggersi dalle indagini o a minare la sicurezza nazionale”. Lo affermano la senatrice Aurora Floria e la deputata Elisabetta Piccolotti dell’Alleanza Verdi e Sinistra, componenti della Commissione Antimafia.

“La vera emergenza da affrontare è quella di porre rimedio all’esistenza di sistemi informatici ‘colabrodo’. La magistratura e la Procura nazionale antimafia devono essere messe in condizione di proteggersi da attacchi informatici di qualsiasi tipologia e di utilizzare in piena sicurezza sia le SOS, segnalazioni di operazioni sospette, che gli altri strumenti di indagine. Avs – prosegue – chiede che il Parlamento dia priorità al provvedimento sulla cybersicurezza e che siano programmati investimenti sufficienti ad ammodernare tutti i sistemi informatici delle istituzioni italiane”.

“In particolare -proseguono le due esponenti di AVS- è necessario sgombrare ogni dubbio rispetto a quella che il Procuratore Antimafia Melillo ha definito come il manifestarsi di una ‘insofferenza nei confronti dei controlli’, ribadendo il pieno sostegno del Parlamento all’importanza del ruolo dell’Antimafia nella lotta alla criminalità organizzata in Italia. E’ necessario poi fare chiarezza su quanti siano stati negli ultimi anni i procedimenti per accesso abusivo alle banche dati. Chi strumentalizza questa inchiesta a fini elettorali sta facendo un danno alla sicurezza del paese cercando di oscurare il vero problema con l’obiettivo di colpire la libertà di stampa e la tutela delle fonti dei giornalisti. Noi di AVS non abbiamo intenzione di permettere che questo accada, anche perché a quanto emerge dalle audizioni, si esclude che i giornalisti indagati possano aver estorto le informazioni con ricatti e dazioni di denaro, e si esclude anche che possano essere coinvolti in associazioni a delinquere o casi di spionaggio. La stampa libera è il cane da guardia del potere e un antidoto a impulsi antidemocratici ed è bene che faccia il proprio lavoro”, concludono Piccolotti e Floridia”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Forti turbolenze su volo Qatar Airways diretto a Dublino, 12 feriti

26 Maggio 2024
Dublino, 26 mag. (Adnkronos) – Dodici persone, sei passeggeri e sei membri dell’equipaggio, sono …

Bonucci si ritira: “Oggi l’ultima gara con il Fenerbahce”

26 Maggio 2024
Istanbul, 26 mag. (Adnkronos) – E’ arrivato il momento anche per Leonardo Bonucci di appendere gl…

Tornado in Texas, almeno 5 morti e oltre 60 feriti

26 Maggio 2024
Washington, 26 mag. (Adnkronos) – E’ di almeno cinque morti tra cui un bambino e oltre 60 feriti …

Piazza di Siena, numeri da record, in 56mila sulle tribune e fatturato sale a 4,3 mln

26 Maggio 2024
Roma, 26 mag. (Adnkronos) – Piazza di Siena è sempre con il segno più. Indotto, copertura mediati…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI