app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Industria: Intesa Sp, in imprese distrettuali più investimenti in processi energetici

15 Aprile 2024

Milano, 15 apr. (Adnkronos) – Crescono gli investimenti delle imprese distrettuali diretti a efficientare i processi produttivi e a potenziare l’autoproduzione di energia. È quanto emerge dall’indagine condotta a novembre-dicembre sulla rete di gestori di Intesa Sanpaolo. Resta dunque alta l’attenzione ai costi energetici, anche perché, nonostante il rientro parziale delle quotazioni, il quadro resta caratterizzato da incertezza e volatilità. L’analisi delle bollette energetiche evidenzia che un quarto delle imprese distrettuali tra il 2019 e il 2023 è riuscito a contenere al 4% l’aumento dei pagamenti alle utility energetiche; si tratta molto probabilmente delle aziende più attive sul fronte delle rinnovabili e dell’efficientamento dei processi produttivi.

La spinta del piano Transizione 5.0 Sempre secondo i gestori, la doppia transizione green e digitale è, e sarà, il principale driver degli investimenti in Italia e nei distretti industriali; una spinta importante potrà venire dagli incentivi a favore di Transizione 5.0, che complessivamente prevedono circa 13 miliardi di euro di crediti d’imposta. Una maggiore diffusione del digitale nel sistema produttivo si può tradurre in un aumento del tasso di crescita potenziale del nostro Pil. Le imprese con investimenti 4.0 ottengono, infatti, vantaggi importanti in termini sia di crescita (+32,5% l’aumento del fatturato tra il 2019 e il 2022, una percentuale doppia rispetto a quelle non 4.0) sia di produttività (pari nel 2022 a 76 mila euro vs 60 mila euro). È questa l’evidenza che emerge dall’analisi effettuata su più di 200 imprese localizzate in Emilia-Romagna e nelle Marche e attive anche in settori ad alta intensità distrettuale.

Nei prossimi anni potrà dunque proseguire il processo di rilancio competitivo del tessuto distrettuale italiano. Tecnologia e capitale umano continueranno a essere le priorità. Il cambiamento climatico in corso imporrà poi una gestione più consapevole ed efficiente della risorsa idrica, oltreché un’attenzione particolare ai rischi idrogeologici. Secondo le nostre stime, il 15% delle imprese distrettuali è esposto a un rischio alluvione medio o elevato.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Ue: Meloni, ‘italiano alla guida? Chi parte da nomi vuole riproporre inciucione’

29 Maggio 2024
Roma, 29 mag. (Adnkronos) – Un italiano alla guida dell’Ue? “Io ho le mie idee ma non parto dal c…

**Europee: Meloni, ‘Le Pen interessante, sinistra teme maggioranze alternative’**

29 Maggio 2024
Roma, 29 mag. (Adnkronos) – “Marine Le Pen sta facendo un percorso interessante, su alcuni dossie…

Europee: Meloni, ‘Orban? Io dialogo con tutti, ma no a Ue salotto radical chic’

29 Maggio 2024
Roma, 29 mag. (Adnkronos) – Il rapporto con Viktor Orban? “Io dialogo con tutti, non sono probabi…

Mo: Annunziata (Pd), ‘Netanyahu sta condannando Israele, Italia riconosca la Palestina’

29 Maggio 2024
Roma, 29 mag (Adnkronos) – “Quando un Paese perde la propria reputazione perde tutto. È questo il…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI