app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Lirica, Eurispes: “Le fondazioni sinfoniche tra luci e ombre”

24 Maggio 2024

Roma, 24 mag. – (Adnkronos) – “Luci e ombre definiscono il contesto in cui operano le fondazioni lirico-sinfoniche. Luci perché definiscono la nostra cultura musicale e non solo, sono inoltre degli asset economici strategici in termini di valori e personale impiegato oltre che volàno per il settore turistico, se ben posizionati a livello di immagine e reputazione internazionale”. E’ quanto mette in luce l’Eurispes nel suo Rapporto Italia giunto quest’anno alla 36esima edizione

“Ombre perché – afferma l’Eurispes – ad oggi il vento di managerizzazione non sembra essersi affermato, i contributi dei privati rimangono ancora bassi, soprattutto per alcune fondazioni lirico-sinfoniche. Tale scenario fa sì che il settore viva in un cronico malessere, per far fronte al quale lo Stato italiano ha previsto dal 2013 che le fondazioni lirico-sinfoniche in difficoltà economico patrimoniali presentassero un piano di risanamento. Tra le richieste statali: riduzione dell’organico tecnico e amministrativo e razionalizzazione di quello artistico”.

Sul fronte della sostenibilità economica, l’Eurispes ricorda “che a sostenere le perfoming arts vi è il Fondo unico per lo spettacolo (Fus), istituito dalla legge 163/1985, così ripartito: il 50% in considerazione dei costi di produzione derivanti dalle attività realizzate da ogni Fondazione nell’anno precedente a quello cui si riferisce la ripartizione, sulla base di indicatori di rilevazione della produzione; il 25% in considerazione del miglioramento dei risultati della gestione attraverso la capacità di reperire risorse, il 25% in considerazione della qualità artistica dei programmi. A seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, vi sono state alcune deroghe. Dal 2010 al 2017 poco meno del 50% del totale è stato assegnato alle Fondazioni liriche-sinfoniche, superando questa percentuale dal 2017 al 2020. Tra il 2010 e il 2020 – evidenzia l’Eurispes – il Fus è sceso del 4%, passando dagli oltre 190 milioni di euro del 2010 ai quasi 183 milioni di euro del 2020. Nel 2020 più del 16% è attribuito al Teatro alla Scala di Milano, seguito dal Teatro dell’Opera di Roma (9,9%) e dal Teatro la Fenice di Venezia (8,6%). Seguono le altre Fondazioni lirico-sinfoniche che variano dall’8% al 5% del Fus attribuito alle stesse. I contributi in conto esercizio rimangono la quota più importante del valore della produzione, anche non considerando il 2020, in cui a causa della pandemia sono crollati i ricavi da vendite e prestazioni”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Camorra: fermato il figlio del boss pentito Schiavone

15 Giugno 2024
Caserta , 15 giu. – (Adnkronos) – Dopo gli spari nei pressi del municipio di Casal di Principe, i…

Mille miglia, oggi l’ultima tapp

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. – (Adnkronos) – Dopo quasi 2000 chilometri percorsi si è ormai giunti alla pagina c…

G7: Delmastro, ‘Italia torna protagonista nel mondo’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “L’Italia torna protagonista nel mondo e traccia la rotta del G7 nel …

Croce Rossa: Barelli, ‘punto di riferimento in aiuto della gente’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “Da 160 anni gli uomini e le donne della Croce Rossa Italiana aiutano…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI