app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Mo: ministri Esteri a Israele, ‘azione urgente per crisi umanitaria a Gaza’

17 Maggio 2024

Roma, 17 mag. (Adnkronos) – “Vorremmo innanzitutto ribadire nei termini più forti la nostra indignazione per il brutale attacco terroristico condotto da Hamas e altri gruppi terroristici contro Israele, iniziato il 7 ottobre 2023. Hamas deve rilasciare tutti gli ostaggi immediatamente e senza condizioni. Continueremo a lavorare per negare ad Hamas la possibilità di compiere ulteriori atrocità. Nell’esercitare il proprio diritto a difendersi, Israele deve rispettare pienamente il diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario. Vi scriviamo alla luce della devastante e crescente crisi umanitaria in tutta Gaza e desideriamo chiedere un’azione urgente da parte del governo israeliano per affrontarla”. Inizia così la lettera indirizzata al ministro degli Esteri israeliano Israel Katz e firmata dai ministri degli Esteri di Canada, Danimarca, Francia, Finlandia, Germania, Giappone, Italia, Nuova Zelanda, Olanda, Regno Unito, Svezia, Australia e Corea del Nord.

“Ribadiamo la nostra opposizione ad un’operazione militare su vasta scala a Rafah che avrebbe conseguenze catastrofiche sulla popolazione civile – prosegue la lettera – Ribadiamo il nostro appello per un piano credibile e attuabile per proteggere la popolazione civile locale e rispondere ai bisogni umanitari. Rafah è l’unica zona della Striscia di Gaza che offre ancora riparo e assistenza sanitaria, seppure limitata. La maggior parte del personale umanitario, delle forniture e delle sedi fisse hanno sede nell’area di Rafah, compresi i principali punti di ingresso delle forniture umanitarie. Secondo le stime delle Nazioni Unite, un’offensiva militare intensificata colpirebbe circa 1,4 milioni di persone, che potrebbero sfollare verso Al Mawassi, Area Centrale, Khan Younis, o rimanere per scelta o con la forza a Rafah. La risposta umanitaria sarà probabilmente gravemente e drasticamente interrotta. Gli attuali ordini di evacuazione israeliani per l’area nel governatorato orientale di Rafah comprendono già nove siti che ospitano sfollati, tre cliniche e sei magazzini”.

“Esortiamo il governo israeliano a consentire l’ingresso degli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza attraverso tutti i valichi di frontiera principali, compreso quello di Rafah. Il 25 marzo 2024, attraverso la risoluzione 2728, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un cessate il fuoco immediato e ha ribadito la richiesta che tutte le parti rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale e che tutti gli ostacoli alla fornitura di assistenza umanitaria siano rimossi. Tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza devono essere attuate, inclusa l’Unscr 2728. In questo quadro, sottolineiamo l’urgente necessità di passi specifici, concreti e misurabili per aumentare significativamente il flusso di aiuti a Gaza. Condanniamo inoltre fermamente il fatto che Hamas abbia preso di mira il valico di Kerem Shalom”.

“Prendiamo atto della decisione del governo israeliano su un elenco completo di misure in tal senso, che riflettono una serie di richieste umanitarie di lunga data e i primi progressi concreti, tra cui quanto segue: 1. miglioramenti dell’accesso umanitario, compresa l’apertura parziale del valico di Erez, l’uso del porto di Ashdod per gli aiuti umanitari e il miglioramento dei valichi esistenti come il Gate 96 per consegnare rifornimenti a Gaza, nonché la cooperazione del governo israeliano su il ponte aereo e il corridoio marittimo, anche attraverso la riparazione dell’oleodotto Nachal Oz, e l’aumento della quantità di acqua e forniture mediche fornite nella Striscia di Gaza; 2. un aumento del numero di camion autorizzati alla consegna degli aiuti attraverso i valichi di frontiera; 3. ulteriori progressi in materia di evacuazioni per motivi medici; 4. la nomina dell’Ambasciatore Einat Schlein a Coordinatore per l’Assistenza Umanitaria presso il Ministero degli Esteri israeliano”.

“Allo stesso tempo, riteniamo che, per essere efficace, la piena e rapida attuazione di tali decisioni del Consiglio dei Ministri richiederà urgentemente ulteriori passi, come: 1. Intraprendere azioni concrete per la protezione dei civili, degli operatori umanitari locali e internazionali e dei giornalisti da danni o sfollamenti. Il governo di Israele deve prendere tutte le precauzioni possibili per proteggere i civili e ridurre al minimo le vittime civili. 2. Lavorare per un cessate il fuoco sostenibile per evitare ulteriori vittime, consentire che maggiori aiuti raggiungano la popolazione di Gaza e consentire la ricostruzione del sistema sanitario”.

“3. Aprire tutte le possibili vie di rifornimento via terra verso Gaza e facilitare un aumento dell’assistenza umanitaria, in particolare al nord (Erez e il vicino valico alternativo/Zikim; Gate 96; utilizzare la piena capacità del porto di Ashdod), anche estendendo i lavori orari a tutti gli incroci. Facilitare il potenziamento dei corridoi dalla Giordania e garantire il passaggio sicuro dei convogli umanitari. Continuare a impegnarsi in modo costruttivo sulle rotte sussidiarie via mare e via aerea. Sostenere il coordinamento attraverso il Meccanismo 2720 delle Nazioni Unite per Gaza, che consentirà di monitorare le forniture e quindi garantire che gli aiuti umanitari soddisfino le esigenze dei civili di Gaza. Particolare attenzione dovrebbe essere dedicata a garantire un approvvigionamento idrico sufficiente, nonché a consentire e facilitare il passaggio di scorte sufficienti di alimenti e prodotti nutrizionali per affrontare la carestia incombente”.

“4. Riprendere i servizi di elettricità, acqua e telecomunicazioni. 5. Facilitare le operazioni umanitarie all’interno di Gaza, anche attraverso migliori misure di deconflitto per garantire la sicurezza del personale umanitario e lo svolgimento sicuro e regolare delle operazioni, anche da parte dell’Unrwa. Ciò include inoltre un trattamento più rapido dei visti, la concessione di visti più lunghi per il personale delle Nazioni Unite e altro personale umanitario, il controllo di un numero sufficiente di camionisti, la concessione di protezione e apparecchiature di comunicazione da utilizzare a Gaza, nonché la rimozione di ordigni inesplosi e lo sminamento”.

“6. Ripristinare e proteggere le infrastrutture critiche, facilitare le consegne di carburante e consentire un aumento significativo della fornitura di beni di fondamentale importanza per la popolazione civile, in particolare forniture mediche (comprese attrezzature a duplice uso e prodotti per l’igiene femminile), nonché servizi igienico-sanitari/Wash e elementi critici per la riparazione delle infrastrutture. Sono necessari miglioramenti significativi nelle procedure dei posti di blocco all’interno di Gaza, nonché nello sgombero e nella riparazione delle strade, al fine di consentire il movimento sicuro dei convogli umanitari”.

“7. Facilitare ulteriori evacuazioni rilasciando permessi di uscita a tutti i nostri cittadini, persone aventi diritto e palestinesi ammessi a trasferirsi all’estero per ragioni umanitarie o mediche e consentendo loro di uscire da Gaza attraverso i confini controllati dal governo di Israele. Dall’inizio della crisi, siamo stati collettivamente tra i maggiori fornitori di assistenza alla popolazione civile colpita a Gaza. In stretto coordinamento con le Nazioni Unite, in particolare con il coordinatore senior per gli aiuti umanitari e la ricostruzione di Gaza, Sigrid Kaag, e con i partner regionali, siamo pronti a continuare a impegnarci con il governo di Israele su questi compiti chiave”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Nato aspetta il successore di Stoltenberg, strada spianata per l’olandese Rutte

20 Giugno 2024
Bucarest, 19 giu. (Adnkronos) – Mentre la Nato aspetta il successore di Jens Stoltenberg, dopo l’…

Editoria: Il Giornale festeggia a Milano i suoi primi 50 anni

19 Giugno 2024
Milano, 19 giu. (Adnkronos) – Il Giornale compie 50 anni e per festeggiare raduna a Milano tutti …

Governo: Mantovano, ‘da Ucraina a Mo, Italia fa valere suo tratto’

19 Giugno 2024
Roma, 19 giu. (Adnkronos) – “Anche nel modo di trattare le crisi internazionali, a cominciare da …

Mobilità, Vavassori (Anfia): “A due settimane da uscita incentivi, tiraggio molto buono”

19 Giugno 2024
Roma, 19 giu. – (Adnkronos) – “Sono passate due settimane dall’entrata in vigore degli ecoincenti…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI