app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

**Terremoto: palazzine Amatrice, Pg chiede conferma condanne, ‘costruite in modo scellerato’**

Luglio 7, 2022

Roma, 7 lug. (Adnkronos) – Confermare le condanne per il crollo delle due palazzine di edilizia popolare di Piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice in seguito al terremoto del 24 agosto 2016. Questa la richiesta del sostituto procuratore generale Francesco Mollace nel processo d’Appello, in corso a Roma, per i crolli che causarono la morte di 19 persone, per tre degli imputati: Ottaviano Boni, all’epoca direttore tecnico dell’impresa costruttrice Sogeap, condannato in primo grado a nove anni, Corrado Tilesi, ex assessore del Comune di Amatrice, condannato a sette anni, e Maurizio Scacchi, geometra della Regione Lazio-Genio Civile, condannato a cinque anni. Per un altro degli imputati, Luigi Serafini, la Corte d’Appello ha disposto lo stralcio della posizione, rinviando all’udienza del 22 settembre, per accertare le sue condizioni di salute e l’eventuale stato di irreversibilita’ mentre un quinto imputato, Franco Aleandri, allora presidente dell’Iacp, e’ deceduto.

Per tutti gli imputati l’accusa e’ di omicidio colposo plurimo, crollo colposo, disastro e lesioni. Il tribunale aveva condannato tutti gli imputati e i responsabili civili (Ater, Regione Lazio e il Comune Amatrice) al risarcimento dei danni in favore delle parti civile da quantificare in sede civile.

“Siamo soddisfatti delle richieste del sostituto procuratore generale Francesco Mollace – ha detto l’avvocato Wania Della Vigna, legale che rappresenta nel procedimento quaranta parti civili – che ha aperto la sua requisitoria con l’immagine dei crolli, dei morti di Amatrice: immagini di dolore, di morte. Il pg ha ribadito che il rispetto per i morti va fatto con assoluto rigore delle analisi delle carte processuali. Ha ritenuto, inoltre, atto di parte e quindi atto inquinante il documento del professor Doglioni sulla natura del sisma chiedendone come procura generale la espunzione da tutti i motivi di Appello. Mollace ha ribadito che la costruzione di quelle case per le fasce deboli della popolazione e’ avvenuta in maniera scellerata e che si e’ cercato di mettere a posto le carte senza alcun rispetto per gli abitanti di Amatrice che gia’ abitavano in quelle case. E ha concluso dicendo che quei morti non vedranno piu’ sorgere il sole”.

“Sono morte intere famiglie e oggi chi e’ rimasto si chiede perché i loro cari sono morti”, ha concluso il legale di parte civile. Oggi in aula in Corte d’Appello a Roma per assistere all’udienza c’erano, tra gli altri, i fratelli Moriconi che hanno perso il fratello di 45 anni. La prossima udienza e’ stata fissata per il 22 settembre quando prenderanno la parola le parti civili.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl