app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Terrorismo, arrestati tre palestinesi a L’Aquila: la cellula pronta a colpire

11 Marzo 2024

L’Aquila, 11 mar. (Adnkronos) – Facevano opera di proselitismo e propaganda per l’associazione e pianificavano attentati, anche kamikaze, contro obbiettivi civili e militari in territorio estero. Tre palestinesi, residenti a L’Aquila, sono stati arrestati dalla polizia con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico.

 Tra di loro anche Anan Yaeesh, il 37enne che vive e lavora dal 2017 a l’Aquila, già detenuto a Terni dopo essere stato arrestato il 27 gennaio scorso su richiesta di Israele che ne chiede l’estradizione. Il palestinese è accusato dalle autorità israeliane di avere finanziato un gruppo armato del campo profughi chiamato Tulkarem Brigade. I suoi legali, gli avvocati Flavio Rossi Albertini e Stefania Calvanese, hanno depositato una istanza alla corte d’appello dell’Aquila per chiedere la revoca della misura cautelare, che verrà discussa domani. Secondo gli avvocati, in caso di estradizione ci sarebbe il “rischio concreto ed effettivo che Yaeesh, venga sottoposto a trattamenti inumani e degradanti” compresa “la tortura”.

A quanto apprende l’Adnkronos, i tre palestinesi avevano il permesso di soggiorno per ragioni umanitarie. In particolare uno dei tre aveva un permesso di soggiorno per protezione internazionale, uno per protezione speciale il terzo perché rifugiato.

Gli arresti sono stati messi a segno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip distrettuale di L’Aquila, su richiesta della Dda dell’Aquila, in coordinamento con la procura nazionale antimafia e antiterrorismo. Le indagini degli investigatori della digos de L’Aquila e del Servizio per il contrasto all’estremismo e al terrorismo internazionale della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, hanno accertato la costituzione di una struttura operativa militare denominata ‘Gruppo di Risposta Rapida-Brigate Tulkarem’, articolazione delle ‘Brigate dei Martiri di Al-Aqsa’ (riconosciuta quale organizzazione terroristica dall’Unione Europea con Regolamento di Esecuzione 2023/1505 del Consiglio Europeo del 20 luglio 2023) che si propone il compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo anche contro uno Stato estero.

Da quanto emerge dall’ordinanza di misura cautelare del gip dell’Aquila Marco Billi, Anan Kamal Afif Yaeesh e Ali Saji Ribhi Irar “manifestavano le finalità terroristiche del Gruppo di Risposta Rapida tese a organizzare attentati suicidari, anche mediante l’impiego di autobombe, in territorio israelo palestinese, in particolare in Cisgiordania (West Bank), nella città di Tulkarem, in danno di obiettivi israeliani civili e militari”. L’altro palestinese coinvolto dall’ordinanza cautelare è Mansour Doghmosh.

Venivano svolte anche “attività finalizzate alla creazione di video di propaganda in cui figurano miliziani armati intenti in attività di addestramento militare e all’uso delle armi di giovani reclute e bambini, corredato da canti e musica nashid di adesione ideologica e identità combattente”. In particolare nell’ordinanza si fa riferimento a una conversazione tra due degli indagati.

Dal profilo Facebook di Yaeesh è emerso anche un post con la foto di quattro persone che il 6 novembre 2023 erano state uccise a Tulkarem in un conflitto a fuoco con l’esercito israeliano. Un’altra fotografia “ritrae un miliziano, all’interno di una autovettura, armato di fucile mitragliatore e con in pugno una pistola, che indossa un cappello con una fascia gialla recante stemma ed iscrizione simbolo delle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa”. Un’altra istantanea invece ritrae “13 uomini, alcuni armati di mitra”. Tra loro sono stati identificati i quattro soggetti che, il 6 novembre 23, erano stati uccisi a Tulkarem in un conflitto a fuoco con l’esercito israeliano. Due dei tredici erano appartenenti alle “Brigate dei Martiri di Al-Aqsa”.

Esprime “soddisfazione” il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, secondo il quale “l’operazione conferma il continuo impegno e la grande capacità investigativa delle nostre Forze dell’ordine”. “Alle forze di polizia e alla magistratura va il mio ringraziamento per questo importante risultato che testimonia la costante azione di monitoraggio e prevenzione realizzata sul fronte dell’estremismo e della radicalizzazione”, ha concluso il titolare del Viminale.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Palermo, i Carabinieri festeggiano i 105 anni del brigadiere

18 Aprile 2024
Palermo, 18 apr. (Adnkronos) – Centocinque anni festeggiati con i suoi colleghi dopo una lunga ca…

Ue: Meloni, ‘in rapporto Letta spunti importanti e tema natalità’

18 Aprile 2024
Bruxelles, 18 apr. (Adnkronos) – “Il lavoro di Enrico Letta è molto interessante e lo ringrazio. …

Biennale Arte, Fürstenberg Fassio: “Banca Ifis nell’arte grazie a scultura contemporanea”

18 Aprile 2024
Venezia, 18 apr. (Adnkronos) – “Ifis è entrata nel mondo dell’arte con la scultura contemporanea,…

Biennale Arte, Fürstenberg Fassio: “Banca Ifis nell’arte grazie a scultura contemporanea”

18 Aprile 2024
Venezia, 18 apr. (Adnkronos) – “Ifis è entrata nel mondo dell’arte con la scultura contemporanea,…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI