app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

**Ucraina: Stefanini (Ispi), ‘visita 3 leader è messaggio di sostegno della Ue a Kiev**

Giugno 16, 2022

Roma, 16 giu. (Adnkronos) – Ciò che Draghi, Macron e Scholz portano nel loro viaggio in Ucraina è “un messaggio di unità dell’Unione Europea nel sostegno economico e militare all’Ucraina”. Lo dice all’Adnkronos il senior advisor dell’Istituto per gli Studi di politica internazionale (Ispi) Stefano Stefanini, commentando la missione congiunta a Kiev del premier italiano, del presidente francese e del cancelliere tedesco.

“Ma il nodo – sottolinea – è se cercheranno di persuadere Kiev a sedersi al tavolo delle trattative con Putin. Non credo possano farlo, perché l’Ucraina sta combattendo e soffrendo, e dalla guerra di aggressione della Russia ha avuto conseguenze disastrose. Quindi, così come non possiamo chiedere all’Ucraina di combattere per noi, non essendo questa una guerra per procura ma un conflitto in cui l’Ucraina difende la propria libertà e indipendenza, allo stesso modo non possiamo chiedere quando, se e a che condizioni fermarsi. E’ chiaro che i tre leader vorranno sentire da Zelensky quali prospettive veda, e non solo di cosa ha bisogno e di come pensa di utilizzare le risorse che gli sono messe a disposizione per difendersi, oltre che quelle economiche per il rilancio economico. Non possono promettere l’ingresso nella Ue fra due o tre anni, ma probabilmente una corsia preferenziale e un aggancio politico sì, nella forma già proposta da Macron e di cui aveva parlato anche Enrico Letta”.

Il messaggio, prosegue Stefanini, “include la componente del sostegno economico, politico e militare, di un’apertura sulle prospettive di integrazione nel tessuto della Ue e della discussione con Zelensky, che giustamente rimarrà privata, sulla condotta di questa guerra. Ovviamente, parleranno anche delle misure urgenti per cercare di esportare il grano ucraino, inizialmente via terra e successivamente attraverso corridoi via mare in partenza dal porto di Odessa. Da questi corridoi, a parte il sostegno economico che l’Ucraina ne riceverebbe, deriverebbe anche la possibilità di svuotare i silos, che ora sono pieni, riempiendoli con il nuovo raccolto. Allo stesso tempo, si eviterebbe la crisi alimentare in Nord Africa e i suoi effetti devastanti. Ci sono poi altre forme di aiuto di cui parlare, come lo sminamento, che aiuterebbe anche l’agricoltura, dato che le mine sono anche nei campi agricoli, e in questo l’Italia avrebbe molto dare”.

(di Cristiano Camera)

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl