app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Ucraina, Tafuro Ambrosetti (Ispi): “Stretta di mano tra Draghi e Zelensky ha sorpreso”

Giugno 16, 2022

Roma, 16 giu. (Adnkronos) – La stretta di mano fra il presidente del Consiglio Mario Draghi e il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky “ha sorpreso l’Ucraina. Messa a confronto con quella tra Macron e Zelensky, ha mostrato un rapporto più rilassato tra il leader italiano e quello ucraino; si nota chiaramente una maggiore empatia di Zelensky verso Draghi rispetto a Macron”. E’ la considerazione all’Adnkronos di Eleonora Tafuro Ambrosetti, ricercatrice dell’Ispi, Istituto per gli studi di politica internazionale, che aggiunge: “La stretta di mano è un fatto significativo. Il nostro paese aveva la cattiva fama di essere un cavallo di Troia dell’influenza russa in Europa, come si disse in occasione della guerra in Georgia del 2008. Il riconoscimento di un supporto a Kiev da un paese come l’Italia, non storicamente anti-russo, è quindi stato un fatto molto importante che ha segnato la differenza, plasmando l’immagine del nostro paese in Ucraina”.

“Zelensky appare più disponibile verso Draghi nonostante nei negoziati ci sia sempre stata l’immagine del traino franco-tedesco – prosegue – Oggi per l’Italia è stato importante farsi vedere come parte di un gruppo ristretto di nazioni europee all’interno dell’Ue tanto più che in quanto paese fondatore, da sempre sostenitore dell’allargamento sostenibile, si sta inoltre manifestando ugualmente pronta ad appoggiare la richiesta di Kiev ad entrare nell’Unione europea”.

Secondo la studiosa, “i leader Ue incontrando Zelensky hanno fatto vedere il fulcro unito, sicuramente per enfatizzare il ruolo che l’Unione europea potrebbe effettivamente giocare in Ucraina non tanto come fornitore di armi, quanto nella ricostruzione del Paese; un ruolo più politico che guarda al sostegno della popolazione civile dopo il conflitto e alla prospettiva europea dell’Ucraina; ed anche più garantista sul processo di allargamento dato che anche Francia e Germania, che avevano posizioni originariamente scettiche, sembra infatti che abbiano espresso il loro sostegno alla fine”, conclude. (di Roberta Lanzara)

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl