app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Ue: Meloni, ‘se coesi e determinati possiamo spostare equilibri Bruxelles’ (2)

15 Marzo 2024

(Adnkronos) – La decisione dei Ventisette, rimarca Palazzo Chigi, “segue a complessi negoziati in cui l’Italia ha svolto un ruolo cruciale fornendo un contributo di primo piano affinché si trovasse il giusto equilibrio tra obiettivi ambientali e competitività delle imprese e tra armonizzazione e valorizzazione delle esperienze nazionali di successo. Dopo il decisivo passo di oggi, con l’accordo tra i Ventisette i testi approvati verranno adesso trasmessi al Parlamento europeo e quindi al Consiglio per l’adozione finale”.

“Il Regolamento sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio accrescerà la sostenibilità del settore – rivendica il governo nella nota -, promuovendo una maggiore riciclabilità degli imballaggi, nonché contribuirà a ridurre alcune barriere al funzionamento del mercato interno, introducendo norme comuni sull’etichettatura e sulla gestione dei rifiuti. Il provvedimento impegnerà inoltre gli Stati membri a ridurre i rifiuti, lasciando, come da noi auspicato, flessibilità agli Stati ed agli operatori nella scelta delle misure per raggiungere l’obiettivo, in particolare tra imballaggi riutilizzabili e quelli monouso riciclabili, laddove questi ultimi, come nel caso del settore della ristorazione, rappresentano ancora l’opzione che offre il risultato ambientalmente migliore e per la conservazione dei prodotti agricoli e alimentari”.

“Gli emendamenti approvati incentivano tecnologie in cui stiamo investendo, come il riciclo chimico. Salvaguardano inoltre settori in cui le nostre aziende hanno accresciuto la riciclabilità degli imballaggi, in cui siamo all’avanguardia, come quello delle plastiche compostabili, o in cui esportiamo prodotti di eccellenza, come vini, spumanti, vermouth e distillati. Nella gestione dei rifiuti, libertà di scelta è concessa tra l’adozione del deposito cauzionale e il mantenimento di modelli virtuosi di raccolta separata, come quello italiano. La Direttiva sul dovere di diligenza delle imprese ai fini della sostenibilità contribuirà ad assicurare che le catene di approvvigionamento delle principali imprese europee siano il più possibile rispettose dei diritti umani e della sostenibilità ambientale. L’Italia ha svolto un ruolo chiave nel raggiungimento di un testo equilibrato ed efficace, che concentra gli oneri sulle società di grandi dimensioni (oltre 1.000 dipendenti e 450 milioni di fatturato globale) meglio in grado di monitorare le proprie catene di approvvigionamento e di contribuire alla mitigazione degli effetti delle attività economiche sui cambiamenti climatici, nonché alla tutela dei diritti umani delle persone interessate dall’attività d’impresa. I risultati raggiunti sono il frutto di uno sforzo corale di tutti gli attori del sistema Italia”, sottolinea Palazzo Chigi.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Salute: solo 50% cardiopatici aderisce a cure, al via campagna ‘Affetti Desiderati’

12 Aprile 2024
Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Le malattie cardiovascolari costituiscono ancora oggi in Itali…

Mo: Sanchez, ‘segnali chiari che Europa è pronta a riconoscere Stato palestinese’

12 Aprile 2024
Oslo, 12 apr. (Adnkronos) – Ci sono “segnali chiari” che i Paesi dell’Europa sono pronti a ricono…

Milano: pm, ‘Pifferi mentì anche davanti a cadavere figlia, cerca sconti di pena’

12 Aprile 2024
Milano, 12 apr. (Adnkronos) – Alessia Pifferi, imputata per l’omicidio della figlia Diana di soli…

Australia: adolescente ucciso in un accoltellamento a Sydney

12 Aprile 2024
Canberra, 12 apr. (Adnkronos/Dpa) – Un adolescente è stato ucciso in un accoltellamento vicino a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI