app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Andrao (Retina Italia), ‘riconoscere maculopatia come malattia cronica’

Gennaio 19, 2023

Roma, 19 gen. (Adnkronos Salute) – “La maculopatia senile non è riconosciuta come patologia cronica. Abbiamo già la proposta di legge, ma è tutto fermo. Stiamo anche facendo campagne di comunicazione con medici di base e farmacie per un’autodiagnosi del paziente. Manca l’informazione, la condivisione dei percorsi di cura”, e inoltre, per la perdita di autonomia dovuta alla riduzione della capacità visiva, si manifesta “la depressione, condizione che frena il ricorso alle cure”. Così Assia Andrao, presidente associazione Retina Italia onlus intervenendo, a nome dei pazienti, al webinar online ‘Degenerazione maculare legata all’età, bisogni emergenti e politiche sanitarie determinanti per un’assistenza basata sul valore’, realizzato con il contributo non condizionato di Roche Italia.

La degenerazione maculare legata all’età – si è ricordato nel corso dell’evento – è una malattia cronica della retina che rappresenta una delle principali cause di cecità, nei paesi industrializzati, negli over 65. L’approccio terapeutico di questa patologia prevede iniezioni intravitreali da somministrare in contesto ospedaliero, ma rispetto alle 1- 8 somministrazioni previste all’anno negli studi clinici, in realtà i pazienti ne eseguono 2-4, compromettendo l’efficacia della cura. A tale proposito, Stanislao Rizzo, direttore di Oculistica all’università Cattolica e Policlinico Gemelli Irccs, nel suo intervento, osserva che “le strutture sanitarie non sono adeguate, sono affollatissime, hanno un carico impressionante e la malattia è in crescita esponenziale”.

Spesso, l’aderenza è compromessa, da un lato, “per un problema del sistema – ricorda Andrao – i pazienti dicono di non aver compreso quanto spiegato dallo specialista” e, dall’altro, “non se la sentono di pesare sul caregiver, far perdere giorni di lavoro al figlio, al familiare”, così saltano un trattamento. “La mancanza di condivisione del percorso terapeutico causa la non aderenza alle terapie e danni a livello clinico. Più della paura dell’iniezione – continua – le persone, dopo una certa età, non vogliono pesare e sottostimano l’effetto di una iniezione non fatta”.

Malattie retina, Bayer chiede ok Ema per aflibercept 8 mg

Roma, 7 feb. (Adnkronos Salute) – Bayer ha presentato all’Agenzia europea per i medicinali (Ema) …

L’intelligenza artificiale per ridare voce ai pazienti Sla

(Adnkronos) – Un’alleanza tra ricerca, intelligenza artificiale e una squadra di doppiatori per r…

Terremoto: Turchia chiede aiuto a Nato, servono staff medico e ospedali da campo

Bruxelles, 6 feb. (Adnkronos Salute/Dpa) – La Turchia ha chiesto formalmente aiuto agli alleati d…

Sanità: ricercatori precari anche per 39 anni, indagine Fp Cgil

Roma, 6 feb. (Adnkronos Salute) – “Il lavoro di ricerca sanitaria pubblica in Italia si fonda sul…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl