app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Covid: Oms, corrono Omicron 4, 5 e 2.12.1, presenti in 20, 19 e 38 Paesi

Maggio 19, 2022

Milano, 19 mag. (Adnkronos Salute) – Corrono veloci e provano a colonizzare sempre più aree del pianeta le sottovarianti di Omicron BA.4 e BA.5, e il sottolignaggio di Omicron 2 BA.2.12.1. Le prime due, dal Sudafrica dove inizialmente sono state segnalate e dove hanno alimentato una quinta ondata di Covid-19, sono ormai arrivate in 20 Paesi Omicron 4 e in 19 Omicron 5; BA.2.12.1, invece, dagli Stati Uniti che per primi l’hanno riportata in corrispondenza di un boom di nuovi contagi, ha viaggiato fino a raggiungere 38 Paesi. Questo l’ultimo aggiornamento dell’Organizzazione mondiale della sanità, che fa il punto nel report settimanale Covid relativo al periodo 9-15 maggio.

A livello globale – riferisce l’Oms – BA.4 e BA.5 rappresentano rispettivamente lo 0,5% e lo 0,4% di tutte le varianti circolanti di Sars-CoV-2, mentre il lignaggio BA.2.12.1 rappresenta il 10% dei ceppi BA.2 (Omicron 2) caricati sulla piattaforma Gisaid al 24 aprile.

In base alle indagini preliminari, l’agenzia ginevrina conferma che BA.4, BA.5 e BA.2.12.1 mostrano “un tasso di crescita maggiore rispetto ad altre varianti come Delta”, Omicron 1 “BA.1 e BA.2”, proprietà che “può essere riconducibile a un’aumentata fuga immunitaria e/o a trasmissibilità intrinseca”. E mentre nei giorni scorsi il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha riclassificato Omicron 4 e 5 da varianti in interesse (Voi) e varianti di preoccupazione (Voc), prevedendo che diventeranno dominanti nei prossimi mesi, l’Oms spiega di continuare a considerare BA.4, BA.5 e BA.2.12.1 “lignaggi monitorati sotto l’ombrello della Voc Omicron, data la bassa prevalenza attuale a livello globale e l’evidenza insufficiente di un cambiamento nelle caratteristiche della malattia associata, per esempio in termini di gravità”.

L’Oms evidenzia che in Sudafrica BA.4 e BA.5 sembrano guidare un aumento del numero di casi di Covid-19, rappresentando l’89% e il 7% rispettivamente delle sequenze caricate su Gisaid al 13 maggio. Dalla fine di aprile il Paese ha registrato inoltre “un moderato aumento dei ricoveri ospedalieri, sebbene significativamente inferiore – precisa l’agenzia delle Nazioni Unite per la sanità – a quello osservato con la comparsa di Omicron a fine 2021”.

L’Oms riporta anche “prime indicazioni di un aumento del numero di casi in Portogallo, che ha recentemente confermato la diffusione di BA.5. I ricoveri” in area medica “e in terapia intensiva rimangono” comunque “stabili” nel Paese al 13 maggio.

Quanto infine agli Usa, dove la prevalenza di BA.2.12.1 è del 48%, “casi e ricoveri sono in aumento da aprile, con un incremento del 33% e del 19% rispettivamente durante la settimana 9-15 maggio, rispetto alla precedente”.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl