app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Indagine Fiaso, ‘servono 7 mld per sicurezza antincendio in ospedali’

Gennaio 10, 2024

Roma, 10 gen. (Adnkronos Salute) – Servono 7 miliardi per la messa in sicurezza antincendio degli ospedali. È la conclusione dell’indagine promossa dalla Fiaso, la Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere, tra le aziende associate per verificare lo stato di applicazione e il fabbisogno finanziario per l’applicazione della normativa anti incendio prevista dal decreto ministeriale 19 marzo 2015. I dati – resa noti oggi, in concomitanza con la presentazione, in Commissione Affari Sociali del Senato una risoluzione per la redazione di piano straordinario sul tema – sono stati raccolti a dicembre del 2023 su un campione del 19% dei presidi ospedalieri e del 12% delle strutture sanitarie che erogano prestazioni ambulatoriali, riabilitative e di diagnostica, aderenti alla Fiaso.

Sul piano strettamente tecnico la normativa antincendio del 2015, che era andata a sostituire la regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private del settembre 2002, poneva la scadenza di un anno per la presentazione di piani di progetto che prevedessero la conformità di impianti elettrici e sistemi di gestione della sicurezza di tutti i plessi delle aziende sanitarie e ospedaliere. L’indagine Fiaso rileva che il 70% delle aziende sanitarie aveva formalizzato, come previsto, entro il 2016 il piano con il progetto di adeguamento e il relativo quadro economico.

Nel 2020 con la pandemia le aziende sanitarie hanno concentrato sulla lotta al Covid tutti gli sforzi, per questo motivo sono arrivate una serie di proroghe alle scadenze previste dalla normativa antincendio che ha spostato il termine finale per gli adeguamenti al 2028. “Il vero nodo però è l’accesso alle risorse”, spiega il presidente Fiaso, Giovanni Migliore. “Il 90% dei piani presentati è tuttora privo della necessaria copertura finanziaria per il completamento della messa in sicurezza delle strutture sanitarie e alcuni quadri economici richiederanno sicuramente un adeguamento dei prezzi previsti ormai anni fa”, aggiunge.

La Fiaso ha calcolato, sulla base dei piani esistenti, che la richiesta media per il completamento della messa in sicurezza di un ospedale è di circa 36 milioni di euro, mentre per un centro territoriale sono necessari circa 6 milioni di euro. Complessivamente, considerando tutte le strutture delle aziende sanitarie a servizio della salute pubblica, la dotazione finanziaria richiesta sarebbe di circa 7 miliardi di euro.

Secondo la ricognizione fatta in Commissione Affari sociali, sanità del Senato, sarebbero circa 10,5 miliardi le risorse già stanziate e non utilizzate per la realizzazione del programma pluriennale di interventi finalizzati alla ristrutturazione edilizia e all’ammodernamento tecnologico del patrimonio sanitario pubblico, di cui all’articolo 20, comma 1, della legge 11 marzo 1988, n. 67. E questa mattina è in approvazione proprio in Commissione al Senato, a prima firma del senatore Francesco Zaffini, una risoluzione per la realizzazione di piano straordinario.

“Ribadiamo il nostro sostegno alla formulazione di un nuovo piano straordinario e urgente per la messa in sicurezza del patrimonio sanitario pubblico. È indispensabile però semplificare le regole per l’accesso a questi fondi e formulare un nuovo calendario per l’adeguamento alla normativa antincendio con tempi e risorse certe. Come preannunciato ieri, siamo come aziende sanitarie pronti a fare la nostra parte”, conclude Migliore.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Smog: bimbi più vulnerabili a danni respiratori, dai pediatri indicazioni per proteggerli

Roma, 26 feb. (Adnkronos Salute) – Lo smog ha effetti sulla salute dei bambini: per proteggerli c…

Fnopi, con ‘Infermieri per voi’ il professionista giusto in un click

Roma, 26 feb. (Adnkronos Salute) – Una medicazione da fare a casa, magari la domenica sera; un e…

Mangiacavalli (Fnopi): “Libera professione non è seconda scelta per infermieri”

Roma, 26 feb. (Adnkronos Salute) – “Quattro anni fa la Fnopi ha scelto di assegnare una delega po…

Depressione e bipolarismo, speranze da molecola che stimola immunità

Milano, 26 feb. (Adnkronos Salute) – Stimolare le difese immunitarie per migliorare la risposta a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI