app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Riforma Aifa, nuovo regolamento in vigore dal 30 gennaio

Gennaio 16, 2024

Roma, 16 gen. (Adnkronos Salute) – Verso la conclusione l’iter di riforma dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Pubblicato in Gazzetta ufficiale del 15 gennaio il decreto ministeriale 8 gennaio 2024, numero 3, che contiene il ‘Regolamento recante modifiche al regolamento sull’organizzazione e sul funzionamento dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa)’, che entrerà dunque in vigore il prossimo 30 gennaio. A febbraio arriveranno quindi anche le nomine dei vertici e dei nuovi organi.

Il decreto oltre ad abolire la figura del direttore generale, mantenendo invece il presidente quale organo e rappresentante legale dell’Aifa, istituisce anche le figure dirigenziali di livello generale del direttore amministrativo e del direttore tecnico-scientifico; prevede inoltre la soppressione della Commissione consultiva tecnico-scientifica e del Comitato prezzi e rimborso, operanti presso l’Agenzia, e la contestuale istituzione della Commissione scientifica ed economica del farmaco, cui sono attribuite le relative funzioni; la modifica della composizione del consiglio di amministrazione, costituito dal presidente e da quattro componenti, di cui uno designato dal ministro della Salute, uno designato dal ministro dell’Economia e delle Finanze e due dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.

Il presidente è nominato con decreto del ministro della Salute, d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze. L’incarico di presidente è esclusivo e comporta il divieto di svolgere altre attività professionali pubbliche e private, anche occasionali. Il direttore tecnico-scientifico è conferito, con decreto del ministro della Salute, sentiti il ministro dell’Economia e delle Finanze e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, a persona in possesso di diploma di laurea magistrale o specialistica, ovvero di laurea conseguita in base al previgente ordinamento, in discipline sanitarie o titoli equipollenti od equiparati, secondo le disposizioni vigenti in materia nonché di requisiti di comprovata professionalità ed esperienza sul piano tecnico-scientifico nel settore dei farmaci.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Covid Italia, prosegue discesa: ultimo bollettino, i dati

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Numeri sempre in calo per il Covid in Italia. Nella settimana …

Diabete, a Milano 100 esperti a confronto su migliori tecnologie Cgm

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – I pazienti con diabete ritengono che le caratteristiche più im…

Covid: prosegue discesa, Rt, incidenza e ricoveri in diminuzione

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Ancora in calo i parametri Covid in Italia. “L’indice di trasm…

L’esperto, ‘a 8-10 anni già tecnostressati, giusto stop cellulare in classe’

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – “Sono d’accordo con la proposta di vietare l’uso del cellulare…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI