app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Sanità: Istat, nel 2021 nascite al minimo storico, pesa impatto Covid

Aprile 8, 2022

Roma, 8 apr. (Adnkronos Salute) – In Italia nel 2021 le nascite sono scese al minimo storico, con 399.400 bambini nati nel corso dell’anno (-1.3% sul 2020). Lo rende noto l’Istat nel suo report sugli indicatori demografici, nel quale evidenzia segnali di ripresa della natalità nella parte finale dell’anno. Il Covid-19, unitamente alle restrizioni forzate sul piano della mobilità residenziale e alla riduzione delle celebrazione di matrimoni ha prodotto un impatto psicologico specifico nel 2020 (perlomeno a partire dal mese di marzo) che ha avuto conseguenti effetti sulle scelte riproduttive portate a termine nel 2021. L’Istat nel suo report spiega che in aggiunta a tale fattore, se si fosse procreato con la stessa intensità e col medesimo calendario di fecondità del 2019, quando si registrarono 420mila nascite, nel 2021 se ne sarebbero osservate circa 405mila, anziché 399mila.

Dunque, il solo effetto strutturale legato al processo di invecchiamento e riduzione della popolazione femminile in età feconda comporta un calo, a parità di calendario riproduttivo, di almeno 15mila nascite. L’ulteriore calo di 6mila nascite sul 2020 è frutto della reale contrazione dei livelli riproduttivi espressi, sui quali gli effetti pandemici hanno inevitabilmente esercitato una funzione. Il numero medio di figli per donna si attesta nel 2021 a 1,25 figli per donna, dunque in lieve rialzo rispetto all’1,24 del 2020, nonostante l’ulteriore declino delle nascite.

In prospettiva, al fine di contrastare la perdurante bassa natalità il Paese – riporta l’Istat – avrebbe bisogno non solo di fare molti più figli di quanti se ne facciano normalmente, ma anche di incrementare la base potenziale di chi potrebbe farli. Anche perché avere figli è sempre più una scelta rinviata nel tempo e, in quanto tale, ridotta rispetto a quanti idealmente se ne desiderano. L’età media al parto ha raggiunto i 32,4 anni (+0,2 sul 2020), un parametro che segna regolari incrementi da molto tempo (30,5 nel 2002).

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl