app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Da EcorNaturasì prestito obbligazionario da 10 mln per bio

Luglio 21, 2022

Roma, 21 lug. – (Adnkronos) – Crisi internazionale, cambiamenti climatici, aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, mancato riconoscimento di giusta remunerazione. Molti elementi stanno mettendo in difficoltà le aziende agroalimentari, impegnate a garantire comunque i prodotti sulle tavole degli italiani. Per far fronte a questa situazione nasce il progetto innovativo per il bio di EcorNaturaSì: l’emissione di un prestito obbligazionario di 10 milioni di euro che sarà remunerato in buoni spesa. Nel concreto, il prestito obbligazionario prevede un tasso di interesse netto del 3% annuo erogato in buoni spesa, per dar vita all’idea che il denaro si trasformi in cibo ma, soprattutto, in progetti di sviluppo dell’agricoltura bio, tra i principali alleati per la tutela dell’ambiente, per la lotta contro i cambiamenti climatici e per la sovranità alimentare. Obiettivi, tra l’altro, in linea con il Green Deal europeo, in cui rientra la strategia Farm to fork approvata dalla Commissione europea.

Ad annunciare l’emissione del prestito è Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì SpA Società Benefit: “Per anni si è dato per scontato che con il denaro si potesse accedere facilmente al cibo presente sugli scaffali dei supermercati, senza preoccuparsi di un sistema agricolo sempre più sofferente dal punto di vista economico, per il mancato riconoscimento di un giusto prezzo e sempre più dipendente da fertilizzanti chimici costosi e, visto il contesto internazionale, meno disponibili. Un sistema produttivo che ha provocato l’abbandono delle terre e la perdita di una vera cultura agricola, sostituita da una tecnica che non tiene conto della cura della fertilità naturale del suolo. Avremmo dovuto farlo prima, ma anche oggi abbiamo la possibilità di cambiare rotta”.

Il presidente di EcorNaturaSì racconta come da più di trent’anni l’azienda promuova lo sviluppo del settore biologico e biodinamico, con l’obiettivo di contribuire alla salute delle persone, a quella della Terra e dell’ambiente, e aggiunge: “Noi viviamo di pane, non di denaro. Generare consapevolezza sull’importanza delle scelte che facciamo quando riempiamo il carrello della spesa è per noi di EcorNaturaSì un impegno prioritario e anche l’obiettivo primario di questa iniziativa”. Le somme raccolte con il prestito saranno impiegate da EcorNaturaSì, tra l’altro, per supportare le aziende agricole e le aziende di trasformazione nel migliorare le proprie strutture e fare investimenti a medio termine.

Una parte del prestito verrà destinata per la ricerca e per sostenere la formazione di agricoltori, oltre ad accompagnare i più giovani a svolgere la propria attività nell’ambito dell’agricoltura biologica. Non è previsto l’utilizzo della provvista derivante dal Prestito per sopperire a esigenze finanziarie dell’Emittente. L’Emittente renderà note le modalità di impiego delle somme raccolte con apposito comunicato pubblicato trimestralmente sul proprio sito internet. Il progetto è nato in collaborazione con Banca Etica che svolgerà il ruolo di collocatore insieme all’Emittente. Il titolo si può sottoscrivere infatti presso gli Uffici di Sottoscrizione NaturaSì indicati nel Prospetto, previo appuntamento, e presso tutte le filiali di Banca Etica (www.bancaetica.it) nonché tramite i consulenti finanziari di Banca Etica.

Le obbligazioni hanno un valore nominale di 2.500 euro cadauna e il Prestito ha durata di quattro anni. Le obbligazioni incorporano il diritto al rimborso alla pari del capitale alla data di scadenza del prestito e al pagamento degli interessi, nella misura del 4,054% lordo annuo, pari al 3% netto, che verranno corrisposti unicamente in buoni spesa, da utilizzare presso la rete commerciale dell’emittente, ossia, presso:

1. tutti i negozi che espongono l’insegna NaturaSì il cui elenco è presente nella sezione del sito dell’Emittente https://www.naturasi.it;

2. on-line sul sito https://www.naturasi.it

Il Prospetto Informativo relativo all’offerta al pubblico di Obbligazioni è stato depositato presso la Consob in data 21 gennaio 2022, a seguito di approvazione avvenuta in data 19 gennaio 2022, comunicata con nota del 21 gennaio 2022. L’approvazione del Prospetto da parte di Consob non deve essere intesa come approvazione dei titoli offerti. Successivamente è stato pubblicato un supplemento in data 25 marzo 2022 e un ulteriore supplemento, relativo all’avvenuta approvazione del bilancio 2021.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl