app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Sondaggio Aisa, 61% acquista carne in base a tipo allevamento

Maggio 2, 2022

Milano, 2 mag. (Adnkronos) – La garanzia del benessere degli animali da allevamento è sempre più un elemento chiave nelle scelte alimentari degli italiani, oltre che un aspetto considerato nella definizione della propria dieta. È quanto è emerso dal sondaggio che Aisa – Federchimica, Associazione nazionale imprese salute animale, ha realizzato in collaborazione con Swg, con interviste a 800 italiani maggiorenni, rappresentativi della popolazione per genere, età e zona geografica di provenienza. Il sondaggio, presentato oggi nel corso del webinar ‘Benessere animale, per mangiare e vivere meglio’, rivela che per 6 italiani su 10 è importante controllare il contenuto dell’etichetta e acquistare secondo le modalità con cui l’animale è stato allevato. Un’attenzione particolarmente presente in chi afferma di consumare poco o per niente prodotti di origine animale (70%).

Sulla dieta preferita, vince l’equilibrio: il 57% degli intervistati infatti conferma di seguire un’alimentazione composta in egual misura da alimenti di origine animale e non. Un aspetto meno rilevante tra i più giovani: carne e latticini sono infatti preferiti dalla fascia di popolazione tra i 18 e 34 anni (18% del campione) che ne ha dichiarato un consumo fino a 4 volte a settimana.

Il sondaggio rivela poi una particolare attenzione al Made in Italy: il 71% del campione che si sincera sempre che il prodotto sia 100% Made in Italy, un’eccellenza che tutto il mondo riconosce al nostro Paese (ne è convinto l’85% dei rispondenti), “perché vede in questo un elemento di sicurezza e anche di garanzia di qualità e salubrità”, commenta Riccardo Grassi, direttore di ricerca di Swg.

Per l’82% degli intervistati la qualità dei prodotti di origine animale è strettamente connessa a un allevamento di qualità, ma se per molti un buon prodotto animale o derivato è da attribuire a corrette modalità di allevamento, la percezione cambia quando viene chiesto al campione quanto oggi gli allevamenti italiani siano attenti alla salute e al benessere degli animali: si potrebbe fare di più. Un italiano su due è convinto che nel nostro Paese c’è poca attenzione alla salute e al benessere dell’animale, e solo un intervistato su cinque dichiara che l’allevatore è molto attento al benessere dell’animale. Da notare anche il 15% convinto che gli allevamenti siano luoghi di sfruttamento e maltrattamento.

“Assicurare la salute dei nostri animali significa anche assicurare la qualità degli allevamenti e quindi dei prodotti che ne derivano. Oggi investire nella salute animale e in quella del pianeta è centrale per assicurare a tutti noi un domani in salute, la piena realizzazione di One Health tutela anche le produzioni e salvaguarda il nostro Made in Italy” ha concluso Arianna Bolla, presidente di Aisa – Federchimica.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl