app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Ruolo strategico e forza negoziale della Turchia

Il Mar Nero è uno dei campi nei quali si sta giocando la guerra in corso, ma la Turchia sembra non aver preso una posizione netta.
|

Ruolo strategico e forza negoziale della Turchia

Il Mar Nero è uno dei campi nei quali si sta giocando la guerra in corso, ma la Turchia sembra non aver preso una posizione netta.
|

Ruolo strategico e forza negoziale della Turchia

Il Mar Nero è uno dei campi nei quali si sta giocando la guerra in corso, ma la Turchia sembra non aver preso una posizione netta.
|
|
Il Mar Nero è uno dei campi nei quali si sta giocando la guerra in corso, ma la Turchia sembra non aver preso una posizione netta.
L’informazione mediatica sull’invasione russa in territorio ucraino è concentrata sulle notizie che arrivano dal fronte di terra e in particolare sui tentativi di conquistare le città più rilevanti e le infrastrutture strategiche. Ma l’evoluzione del conflitto si gioca anche su altre strategie, ad esempio il controllo del Mar Nero. Sono due gli stretti che lo collegano al Mediterraneo: il Bosforo che attraversa Istanbul e subito a Sud, sempre in Turchia, lo stretto dei Dardanelli che fa da confine fra Europa e Asia. Da sempre queste due regioni sono determinanti per quanto riguarda le strategie sia commerciali sia militari. Da qui passano betoniere, petroliere, containership e fregate militari che trasportano i loro carichi dalle repubbliche balcaniche ma soprattutto dalla Russia e dall’Asia per arrivare in Europa e viaggiare poi verso l’Atlantico e l’Oceano Indiano. Ogni giorno passano attraverso Istanbul 3 milioni di barili di petrolio, equivalenti al 3% del fabbisogno annuo mondiale. Non solo. Questa regione è determinante per tutto il commercio russo: di qui passano il 38% del suo petrolio e il 65% di tutto il suo export. Il Mar Nero è però anche determinante per l’economia delle altre repubbliche costiere come Romania, Bulgaria e Georgia ma soprattutto per l’Ucraina, tramite il quale esporta i prodotti agricoli e delle sue acciaierie. Il flusso attraverso gli stretti è regolamentato dalla Convenzione di Montreux del 1936. Responsabile della sua applicazione è la Turchia e l’esercizio dei suoi poteri non è sindacabile. Le sue decisioni sono svincolate dall’obbligo di sentire gli Stati firmatari o le Nazioni Unite. Anche se neutrale, in caso di conflitti armati Ankara ha il diritto di regolamentare e bloccare il transito delle navi commerciali e da guerra. Tuttavia, l’articolo 19 della Convenzione prevede un’eccezione per le navi che abbiano base in tale bacino e alle quali si riconosce il diritto di poter rientrare. Per tutti questi motivi il Mar Nero è uno dei campi nei quali si sta giocando la guerra in corso. A conflitto iniziato l’Ucraina ha chiesto alla Turchia di chiudere il passaggio degli stretti. Ankara ha quindi permesso solo il passaggio di navi militari russe registrate presso i porti del Mar Nero. Ha poi definito l’invasione russa in Ucraina un’inaccettabile violazione del diritto internazionale. Non dimentichiamoci che Ankara si era opposta alle politiche di Mosca in Siria e Libia nonché all’annessione unilaterale russa della Crimea del 2014. Negli anni recenti ha anche partecipato attivamente alla realizzazione della difesa ucraina tramite la vendita e lo sviluppo della flotta di droni in forza a Kiev. Ma soprattutto bisogna considerare che la Turchia è membro della Nato e se le posizioni dovessero inasprirsi con il coinvolgimento dell’Alleanza Atlantica la strategica regione del Mar Nero diventerebbe per Putin il suo peggiore tallone d’Achille. La posizione della Turchia non è però così netta. Quando la comunità internazionale ha deciso l’applicazione delle sanzioni contro Mosca, Ankara si è tenuta neutrale e poi insieme alla Cina si è dichiarata contraria. In fondo le relazioni fra Erdoğan e Putin sono state sempre efficaci negli ultimi anni, basti vedere le numerose cooperazioni attive nell’ambito della difesa e dell’energia ma soprattutto le numerose intese raggiunte anche quando i fronti erano opposti. La forza e le possibilità negoziali di Erdoğan per trovare una soluzione al conflitto sono quindi concrete. Bisogna vedere se la comunità internazionale vuole concedere al ‘sultano’ questo potere: i rischi di una sua successiva espansione, difficilmente controllabile, non sono da sottovalutare. di Massimiliano Fanni Canelles

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Caos a Bruxelles per la protesta dei trattori: roghi ed esplosioni

Bruxelles è paralizzata per la protesta dei trattori: sulle strade colonne di fumo dopo che diver…

Gli anni della disco music, allo Studio 54 nacque un’epoca

La storia del celebre Studio 54 inizia una sera di metà anni Settanta a New York, in un ristorant…

La nuova intelligence russa

La guerra si combatte con diversi mezzi e un esempio sono i servizi segreti russi, che stanno ric…

Due anni di guerra in Ucraina

Il 24 febbraio saranno due anni di guerra in Ucraina. 24 mesi di sofferenze e inumanità che hanno…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI