app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Ucraina svizzera

Ucraina, summit in Svizzera: il documento finale

12 Paesi non hanno firmato il documento del summit in Svizzera per la pace in Ucraina

|

Ucraina, summit in Svizzera: il documento finale

12 Paesi non hanno firmato il documento del summit in Svizzera per la pace in Ucraina

|

Ucraina, summit in Svizzera: il documento finale

12 Paesi non hanno firmato il documento del summit in Svizzera per la pace in Ucraina

|
|

12 Paesi non hanno firmato il documento del summit in Svizzera per la pace in Ucraina

La Carta delle Nazioni Unite, “compresi i principi del rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità di tutti gli Stati, può e servirà come base per raggiungere una pace globale, giusta e duratura in Ucraina”. Lo riporta il comunicato finale su un quadro per la pace in Ucraina approvato da un’ottantina su 92 Paesi partecipanti al summit di Buergenstock, nella Svizzera centrale. 

I Paesi che hanno sottoscritto il comunicato finale del summit per la pace in Ucraina di Buergenstock, in Svizzera, si impegnano a lavorare in particolare su tre aspetti della guerra in corso da oltre due anni: sicurezza nucleare, sicurezza alimentare e prigionieri, inclusi i bambini ucraini deportati. I partecipanti hanno avuto “uno scambio fruttuoso, esaustivo e costruttivo di diversi punti di vista sui percorsi verso un quadro per una pace globale, giusta e duratura, basata sul diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite”.

In particolare, “riaffermiamo il nostro impegno ad astenerci dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, i principi di sovranità, indipendenza e integrità territoriale di tutti gli Stati, compresa l’Ucraina, all’interno dei loro confini riconosciuti a livello internazionale, comprese le acque territoriali, e la risoluzione delle controversie con mezzi pacifici come principi del diritto internazionale”.

Le centrali e gli impianti nucleari ucraini, inclusa quella di Zaporizhzhia, “devono funzionare in modo sicuro e protetto sotto il pieno controllo sovrano dell’Ucraina e in linea con i principi dell’Aiea e sotto la sua supervisione. Qualsiasi minaccia o uso di armi nucleari nel contesto della guerra in corso contro l’Ucraina è inammissibile”.

In secondo luogo, riporta ancora il comunicato, “la sicurezza alimentare globale dipende dalla produzione e dalla fornitura ininterrotta di prodotti alimentari. A questo proposito, sono fondamentali la navigazione commerciale libera, completa e sicura, nonché l’accesso ai porti marittimi nel Mar Nero e nel Mar d’Azov. Sono inaccettabili gli attacchi contro le navi mercantili nei porti e lungo l’intera rotta, nonché contro i porti civili e le infrastrutture portuali civili. La sicurezza alimentare non deve essere in alcun modo usata come arma. I prodotti agricoli ucraini dovrebbero essere forniti in modo sicuro e gratuito ai Paesi terzi interessati”.

In terzo luogo, “tutti i prigionieri di guerra devono essere liberati mediante scambio. Tutti i bambini ucraini deportati e sfollati illegalmente, e tutti gli altri civili ucraini detenuti illegalmente, devono essere rimpatriati in Ucraina. Crediamo che il raggiungimento della pace richieda il coinvolgimento e il dialogo tra tutte le parti. Abbiamo quindi deciso di intraprendere passi concreti in futuro nei settori sopra citati, con un ulteriore impegno dei rappresentanti di tutte le parti in causa”.

Non firmano il comunicato finale una dozzina di Paesi, molti dei quali ‘pesanti’: Armenia; Brasile (partecipava come osservatore; ha circa 215 mln di abitanti); Colombia; Città del Vaticano (osservatore); India, il Paese più popoloso del mondo; Indonesia (oltre 275 mln di abitanti), il più grande Paese musulmano del mondo; Libia; Messico (127 mln di abitanti); Arabia Saudita; Repubblica Sudafricana; Thailandia; Emirati Arabi Uniti. 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Netanyahu al Congresso USA: “È guerra tra civiltà e barbarie, Usa e Israele devono stare insieme”

24 Luglio 2024
Un lunghissimo applauso ha accolto il premier israeliano Benjamin Netanyahu al suo ingresso nell…

D&R. Donne e repubblicane

24 Luglio 2024
Il think tank più potente che circonda Donald Trump è un cerchio magico (rosa). Poca cultura, mo…

Mosca: autobomba esplode in un parcheggio, due feriti

24 Luglio 2024
L’uomo vittima dell’esplosione sembrerebbe Andrej Torgashov, funzionario militare della Federazi…

Primo comizio della Harris: “Unirò i dem e vinceremo”

23 Luglio 2024
Kamala Harris esordisce a Milwaukee. Il primo sondaggio Reuters- Ipsos la dà avanti di due punti…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI