app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La capacità non ha genere né un vestito

Rivendicare la libertà di indossare abiti femminili, come nel caso della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, non dovrebbe indignare nessuno, soprattutto le donne, che per anni hanno combattuto e continuano a farlo per ottenere pari opportunità.
| ,

La capacità non ha genere né un vestito

Rivendicare la libertà di indossare abiti femminili, come nel caso della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, non dovrebbe indignare nessuno, soprattutto le donne, che per anni hanno combattuto e continuano a farlo per ottenere pari opportunità.
| ,

La capacità non ha genere né un vestito

Rivendicare la libertà di indossare abiti femminili, come nel caso della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, non dovrebbe indignare nessuno, soprattutto le donne, che per anni hanno combattuto e continuano a farlo per ottenere pari opportunità.
| ,
| ,
Rivendicare la libertà di indossare abiti femminili, come nel caso della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, non dovrebbe indignare nessuno, soprattutto le donne, che per anni hanno combattuto e continuano a farlo per ottenere pari opportunità.
Rivendica la libertà di indossare solo abiti femminili e non ne vuole sapere di essere chiamata “direttrice”. Ce n’è abbastanza per capire perché Beatrice Venezi si sia attirata l’antipatia di più di qualche donna. Il suo mestiere è quello del maestro d’orchestra e di declinazioni politicamente corrette al momento tanto in voga si disinteressa. Per questo anche Laura Boldrini l’aveva tacciata di avere «scarsa autostima». Da allora non ha fatto mezzo passo indietro e continua a preferire la gonna ai pantaloni, nonostante le critiche e chi la vorrebbe un po’ più femminista. Eppure quella battaglia che tante donne hanno fatto propria e che è sacrosanta, quella per uguali opportunità e uguale remunerazione, non dovrebbe forse soffermarsi così tanto sulle parole. O sull’abito. Perché quello a cui quelle rivendicazioni puntano è anche la libertà di poter essere esattamente per come ci si sente, senza dover rientrare in quello o in quell’altro cliché. Altrimenti siamo punto e a capo. Ci ritroviamo ingessate in convenzioni che possono sembrare magari più ‘paritarie’ ma sempre etichette sono. E invece una donna di 31 anni, che fa un lavoro difficile, che ha faticato per arrivare laddove è, ha il diritto innanzitutto di farsi chiamare come meglio ritiene. Senza che le donne, per prime, le puntino il dito contro. Lasciamo stare poi il dibattito su gonna o pantalone, che proprio non dovrebbe esistere. Ciascuno si veste come ritiene, nei limiti della decenza, e doverlo stare a ribadire è tutt’altro che un passo avanti. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il governo e i dehors “permanenti”

19 Maggio 2024
Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso pe…

Asia, 14 anni, malata di tumore, viene insultata sul web. Mattarella: “Complimenti per la tua forza”

18 Maggio 2024
La ragazza che vedete suonare il pianoforte nel video si chiama Asia, ha 14 anni, è malata di tu…

Con mammà fino a 34 anni, qualche perché in più

16 Maggio 2024
Numeri impressionanti sulla quota di ragazzi fra i 18 e i 34 anni che in Italia vivono ancora co…

Il fenomeno delle stay-at-home girlfriend

14 Maggio 2024
Sveglia non prima delle 9 del mattino, colazione dietetica, accurata routine di bellezza e tanto…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI