app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Gli inutili ultras

Se il Ddl Zan fosse stato gestito diversamente non avremmo avuto questo risultato.
| ,

Gli inutili ultras

Se il Ddl Zan fosse stato gestito diversamente non avremmo avuto questo risultato.
| ,

Gli inutili ultras

Se il Ddl Zan fosse stato gestito diversamente non avremmo avuto questo risultato.
| ,
| ,
Se il Ddl Zan fosse stato gestito diversamente non avremmo avuto questo risultato.
Non poteva che finire così. Lo sapevano tutti, a cominciare da quelli che oggi strepitano e si strappano i capelli. Eppure, nessuno di costoro ha avuto l’umiltà e la decenza di fare l’unica cosa che in politica può assicurare il successo: essere realisti e comportarsi di conseguenza. Per raggiungere un obiettivo molto più grande della propria affermazione di principio. Ieri, al Senato, abbiamo assistito a un classicissimo spettacolo di politica parlamentare, in cui i roboanti paroloni servono solo a mascherare prove di forza fra partiti, leader, aspiranti tali, peones sulla ribalta per un giorno. Un “gustoso” antipasto di quello che potrebbe accadere nell’elezione del Presidente della Repubblica. Lo avevamo scritto su La Ragione mesi fa, ma nulla. Cosi, chi ha contribuito ad affossare con il proprio rifiuto della realtà dei numeri e degli umori il Ddl Zan può urlare al tradimento, all’oscurantismo e mettere all’indice presunti insensibili o peggio. Chi ha trasformato un sacrosanto provvedimento in un immaginifico attentato alla convivenza civile, esulta in modo sguaiato godendo della rigidità degli avversari. Uno spettacolo indecoroso, che lascia le cose esattamente dov’erano, dopo trent’anni di dibattiti. A gran parte di queste persone, protagonisti dello “show“ di ieri, dei diritti di coloro che vivono quotidianamente il rischio di umiliazioni e discriminazioni interessa il giusto. Cioè molto poco, di sicuro decisamente meno dell’ansia di affermare le proprie ideologie o umiliare l’avversario. Ciascuno con le proprie tifoserie, ultras che non vedono, non ascoltano, non vogliono parlare con gli altri, sono affermare se stessi. Complimenti. di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Atlantismo, fra Roma e Parigi

21 Giugno 2024
Oggi Roma vale più di Parigi. Ma non è questione di primati o di gare. È una più fondamentale es…

“Un giorno da festeggiare per la scuola italiana”, parla la sottosegretaria al ministero dell’Istruzione On. Paola Frassinetti

21 Giugno 2024
Tanti i temi della scuola che interessano società e politica: dalla denatalità, al (troppo) lung…

Meloni sul G7 italiano: “Uno dei meglio riusciti della storia del G7”

20 Giugno 2024
Dopo il globo terraqueo, Giorgia Meloni parla di borgo globale in merito al G7 italiano in Pugli…

Le Euroindecisioni sono rischiose per l’Italia

20 Giugno 2024
Magari a qualcuno potrà apparire impietoso e ad altri inopportuno. Però la realtà è come le noti…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI