app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Il rebus del prossimo seggio presidenziale

Da settimane ci si interroga su chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica. Tale scelta cruciale, infatti, condizionerà il funzionamento della nostra Repubblica nei prossimi anni.
| ,

Il rebus del prossimo seggio presidenziale

Da settimane ci si interroga su chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica. Tale scelta cruciale, infatti, condizionerà il funzionamento della nostra Repubblica nei prossimi anni.
| ,

Il rebus del prossimo seggio presidenziale

Da settimane ci si interroga su chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica. Tale scelta cruciale, infatti, condizionerà il funzionamento della nostra Repubblica nei prossimi anni.
| ,
| ,
Da settimane ci si interroga su chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica. Tale scelta cruciale, infatti, condizionerà il funzionamento della nostra Repubblica nei prossimi anni.

Da settimane serpeggia la domanda che condizionerà il funzionamento della nostra Repubblica nei prossimi anni. Perché dalla scelta del capo dello Stato dipenderà anche chi sarà il prossimo presidente del Consiglio e quando si voterà per il prossimo Parlamento.

Non sono un analista politico, ma da studioso delle regole costituzionali posso porre in evidenza alcuni punti chiave della scelta.

Innanzitutto si vota da metà gennaio, perché il seggio presidenziale va convocato 30 giorni prima della scadenza del presidente in carica. I grandi elettori saranno 1.008, vale a dire 630 deputati, 320 senatori e 58 delegati regionali. Per eleggere il presidente della Repubblica si vota a scrutinio segreto e questo è un elemento decisivo, perché nel segreto dell’urna tanti candidati presidenti non sono riusciti a superare il quorum, basti pensare a Prodi o a Marini, per restare a casi recenti. Perché sì, c’è anche il quorum. Nelle prime tre votazioni servono i tre quinti dei voti: cioè 703 elettori su 1.008. Dalla quarta votazione la soglia è invece quella della maggioranza assoluta: 505 elettori su 1.008.

In questo quadro chi può essere eletto? Sicuramente il candidato più autorevole e che metterebbe tutti d’accordo sarebbe Mario Draghi.

Ma immaginate che disfatta sarebbe avere un Draghi candidato ma che non raggiunge il quorum. Perderebbe ogni autorevolezza, anche come presidente del Consiglio. Non a caso nel 1946, quando si doveva eleggere il capo provvisorio dello Stato, personaggi del calibro di Benedetto Croce e Vittorio Emanuele Orlando rifiutarono la candidatura per non sottoporsi alle forche caudine del voto segreto.

Con Draghi al Quirinale probabilmente si voterebbe comunque a marzo 2023, con un altro anno di governo ‘tecnico’ guidato da un presidente del Consiglio indicato dallo stesso Draghi. Se invece salta questo schema, si aprono scenari poco prevedibili nei quali torna in gioco anche la conferma di Mattarella, che a oggi pare fermamente deciso a non accettare una ricandidatura. Del resto, quest’ultima non è del tutto costituzionalmente corretta, anche perché quella di Napolitano fu davvero una eccezione.

Quindi, chi sarà il prossimo presidente della Repubblica?

 

Di Alfonso Celotto

Italiani residenti all’estero e Italia assetata di lavoratori stranieri

Quasi 6 milioni sono gli italiani residenti all’estero, oltre un decimo della popolazione. Tanti …

L’occasione persa da Meloni sul caso Donzelli-Delmastro

Giorgia Meloni non ha “castigato” i due gemelli dell’autogol Donzelli e Delmastro. Così, ha perso…

Rete unica, Stato irretito

Se il governo s’incaponisse a volere la rete unica e italica, si troverebbe in una brutta trappol…

L’Italia degli Insegno

Il manifesto è Pino Insegno, attore-feticcio di Fratelli d’Italia, che ormai passa le giornate a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl