app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Indignati a perdere (tanto tempo)

La tv trash è un format televisivo che funziona grazie agli scandali. Perdiamo tempo ad analizzare comportamenti di personaggi che non dovrebbero essere d’esempio.

| ,

Indignati a perdere (tanto tempo)

La tv trash è un format televisivo che funziona grazie agli scandali. Perdiamo tempo ad analizzare comportamenti di personaggi che non dovrebbero essere d’esempio.

| ,

Indignati a perdere (tanto tempo)

La tv trash è un format televisivo che funziona grazie agli scandali. Perdiamo tempo ad analizzare comportamenti di personaggi che non dovrebbero essere d’esempio.

| ,
| ,

La tv trash è un format televisivo che funziona grazie agli scandali. Perdiamo tempo ad analizzare comportamenti di personaggi che non dovrebbero essere d’esempio.

Ci indigniamo ma poi continuiamo a guardare. La sesta edizione del “Grande Fratello Vip” è appena iniziata e già attira l’attenzione, almeno per quanto riguarda le polemiche che da sempre si accendono su una certa tv trash. Ancora prima del via c’erano state quelle su Tommaso Eletti, già concorrente di “Temptation Island” dove aveva brillato per la sua concezione della donna: bikini vietati, così come qualsiasi altro vezzo, manco fossimo tornati di botto a decenni fa. Eppure ha 20 anni, il ragazzo. Ora tocca a Katia Ricciarelli, una che dovrebbe sapere come funziona il mondo televisivo e che è invece riuscita a infilare insulti omofobi e a dare delle “paralitiche” ad altre concorrenti davanti a Manuel Bortuzzo, l’ex nuotatore rimasto sulla sedia a rotelle. Un disastro, da certi punti di vista; da altri, invece, esattamente quello che ci si aspettava. Perché per quanto esecrabili siano certi comportamenti, è abbastanza fastidiosa la finta indignazione di chi ogni anno passa i mesi a denunciare questo o quell’atteggiamento di personaggi che francamente non dovrebbero in ogni caso essere presi a modello neanche per un secondo. E poi, davvero non abbiamo capito che è proprio questo scavare nel profondo del trash a garantire il successo di certi format? Lo scandalo fa ascolti, piaccia o no. Chi ne parla, storcendo il naso, alla fine non fa altro che aumentarne la popolarità. Sarebbe forse più costruttivo proporre programmi di qualità. Ma in tv l’unica legge è quella degli ascolti. Aridatece Giorgio Gaber.   di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Dietro le quinte del Festival di Cannes

19 Maggio 2024
“E poi, d’un tratto, ci si accorge che al Festival di Cannes c’è anche il mare”. Federico Fumaga…

Ombre cinesi sulla Croisette

18 Maggio 2024
DA CANNES: la seria candidatura alla Palma d’oro di “Caught By the Tides”, diretto dal regista c…

Addio a Franco Di Mare

17 Maggio 2024
È morto, all’età di 68 anni, Franco Di Mare. In una recente intervista aveva dichiarato di avere…

Il Signore degli anelli, una saga fin troppo spremuta

17 Maggio 2024
La notizia dell’arrivo di un nuovo film tratto dall’epopea de “Il signore degli anelli” ha spave…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI