app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Alex Pompa

L’assoluzione faticosa e l’aggravante discutibile

| ,

L’assoluzione faticosa e l’aggravante discutibile

| ,

L’assoluzione faticosa e l’aggravante discutibile

| ,
| ,
È stato assolto perché «il fatto non costituisce reato» Alex Pompa, il 19enne che il 30 aprile 2020 uccise con 34 coltellate il padre Giuseppe. La sua storia, la storia di questo ragazzo per cui il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 14 anni di carcere, aveva da subito smosso l’opinione pubblica: un figlio che uccide il padre violento che quotidianamente minacciava di morte la madre. «Mi avrebbe ammazzata, se non fosse stato per Alex non sarei qui» aveva ripetuto la donna. Perfino il pm aveva ammesso di essere in qualche modo costretto – ovviamente dalla legge – a chiedere quel tipo di condanna, perché l’aggravante dell’omicidio di una persona con vincolo di parentela risultava prevalente sulle attenuanti, di cui era stata considerata valida solo la semi infermità mentale del ragazzo accertata da una perizia psichiatrica. Era stato lo stesso pubblico ministero però a chiedere ai giudici di «valutare se la norma è ragionevole» e invitarli a rivolgersi alla Corte costituzionale. Non ce n’è stato bisogno perché la Corte d’Assise di Torino lo ha assolto: leggeremo poi le motivazioni della sentenza ma presumibilmente è stata accolta l’ipotesi della legittima difesa, anche se quella sera in particolare non c’erano state aggressioni fisiche da parte del padre, anche se Alex non agì in preda a un raptus ma certamente per uccidere, perché sferrò numerosi colpi utilizzando sei coltelli diversi.

In aula però erano entrate anche le registrazioni, oltre 250 file audio, che raccontavano le quotidiane minacce e gli insulti di Giuseppe alla moglie.

Anni di soprusi fisici e psicologici che avevano segnato profondamente Alex che, secondo la perizia, a causa di quel quotidiano inferno domestico soffriva di un disturbo post traumatico da stress. Una vicenda che non aveva lasciato indifferente neanche Paolo Fassa Bortolo, l’80enne imprenditore del settore del calcestruzzo che aveva deciso di pagare l’assistenza legale al ragazzo. In tutto questo, e al di là della vicenda drammatica e personale di questa famiglia, resta il tema normativo. L’aggravante introdotta per l’uccisione di congiunti avrebbe in questo caso potuto tranquillamente portare a una condanna, in punta di diritto.

La Corte ha fatto una scelta coraggiosa e ampiamente condivisibile perché nessuno, nemmeno il pubblico ministero, voleva davvero che Alex finisse in carcere.

Ma la sentenza non è inattaccabile e la speranza è che la Procura non decida di ricorrere in appello perché altrimenti il verdetto potrebbe cambiare. È vero invece quello che ha detto sua madre, che questo ragazzo la sua condanna l’ha già scontata: crescere con un padre violento.   Di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

È morto Franco Anelli, rettore dell’Università Cattolica: si tratterebbe di suicidio

24 Maggio 2024
Franco Anelli, il magnifico rettore dell’Università Cattolica di Milano, è morto a 60 anni nella…

Ilaria Salis lascia il carcere: andrà ai domiciliari

23 Maggio 2024
Ilaria Salis ha lasciato questa mattina il carcere di massima sicurezza di Budapest e si trova a…

Pozzuoli, nuova scossa di 3.4 dopo una notte tranquilla

22 Maggio 2024
La notte è stata tranquilla, ma poco fa una nuova scocca ha fatto tremare gli edifici dell’area …

Taxi, comandano loro

22 Maggio 2024
Ieri a Roma lo sciopero dei taxi ha paralizzato completamente il servizio nella capitale (come i…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI