app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La nuova ipocrisia

Le polemiche sui social per il discorso di ringraziamento di Adele ai Brit Awards, che ha sottolineato di essere un’artista donna, sembrano non tenere conto di valori molto importanti fino a poco fa, con il rischio di traviare il significato delle parole altrui.
| ,

La nuova ipocrisia

Le polemiche sui social per il discorso di ringraziamento di Adele ai Brit Awards, che ha sottolineato di essere un’artista donna, sembrano non tenere conto di valori molto importanti fino a poco fa, con il rischio di traviare il significato delle parole altrui.
| ,

La nuova ipocrisia

Le polemiche sui social per il discorso di ringraziamento di Adele ai Brit Awards, che ha sottolineato di essere un’artista donna, sembrano non tenere conto di valori molto importanti fino a poco fa, con il rischio di traviare il significato delle parole altrui.
| ,
| ,
Le polemiche sui social per il discorso di ringraziamento di Adele ai Brit Awards, che ha sottolineato di essere un’artista donna, sembrano non tenere conto di valori molto importanti fino a poco fa, con il rischio di traviare il significato delle parole altrui.
Ricordate la canzoncina dei bambini “La macchina del capo ha un buco della gomma“? Il giochino è semplice, man mano che la canzone va avanti si sostituisce alle parole un suono. La macchina diventa diventa ‘brum’, il capo ‘mmm’, il buco ‘psss’ e così via. Temo fortemente che faremo questa fine, se insisteremo fra politicamente corretto, ossessioni linguistiche e negazioni dell’ovvio. In queste ore, tocca ad Adele essere massacrata sui social, per il suo discorso di ringraziamento al terzo dei Brit Awards vinti l’altra sera (dominatrice assoluta agli Oscar della musica britannica), nella categoria “Artista dell’anno“. Adele, nel ricevere il premio più ambito e prestigioso ha dichiarato: “amo essere donna e un’artista donna”. Apriti cielo. Riavvolgiamo il nastro per capire: da quest’anno, ai Brit Awards non esistono più le categorie migliore artista maschile o femminile. Esiste la categoria generica “artista“. Questione di rispetto per chi non si identifichi in una distinzione binaria. Scelta più che legittima, in ossequio a tempi in cui per tantissimi dei nostri figli la distinzione binaria è appunto un retaggio del passato, uno scomodo orpello. Ne ho recentemente scritto, partendo proprio dall’esperienza personale in famiglia con mia figlia adolescente e altri parenti più giovani. Che si arrivi, però, ad accusare Adele di aver offeso non si sa bene chi, per aver semplicemente osato ricordare i suoi sentimenti, la sua vita e anche i suoi dolori personali, cantati in un album di incredibile successo, ci sembra solo un omaggio all’ipocrisia e al neo-conformismo di questi tempi. Solo pochi mesi fa, un discorso del genere sarebbe stato accolto da ovazioni, nel sottolineare l’orgoglio femminile portato su un grande palco. Oggi, siamo qui a contare gli insulti social, come capitato anche alla creatrice di Harry Potter, J.K. Rowling, colpevole di avere più volte espresso la personale opinione che di sessi ne esistano due. Da icone a paladine della transfobia è un attimo, in questi tempi di nuovi formalismi. Riflettiamoci. di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

“C’è già troppa frociaggine”, le parole di Papa Francesco e il “no” ai seminaristi omosessuali

27 Maggio 2024
“C’è già troppa frociaggine” nei seminari. Queste le parole che, secondo diverse fonti, avrebbe …

Benigni show, bacia il Papa poi invoca la pace: “La guerra deve finire”

26 Maggio 2024
Show di Roberto Benigni in piazza San Pietro con il Papa per la Giornata mondiale dei bambini tr…

Luis e Flora, storie d’amore d’altri tempi e altro calcio

25 Maggio 2024
Ho scoperto una storia che colpevolmente non conoscevo nei dettagli: quella della meravigliosa f…

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI