app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Quando il legislatore apre al procuratore

Il tribunale boccia lo Statuto: Conte non è più presidente dei Movimento Cinque Stelle. Se adesso intervengono il giudice civile e quello penale è soltanto perché vi è stata la latitanza colpevole delle forze politiche.
| ,

Quando il legislatore apre al procuratore

Il tribunale boccia lo Statuto: Conte non è più presidente dei Movimento Cinque Stelle. Se adesso intervengono il giudice civile e quello penale è soltanto perché vi è stata la latitanza colpevole delle forze politiche.
| ,

Quando il legislatore apre al procuratore

Il tribunale boccia lo Statuto: Conte non è più presidente dei Movimento Cinque Stelle. Se adesso intervengono il giudice civile e quello penale è soltanto perché vi è stata la latitanza colpevole delle forze politiche.
| ,
| ,
Il tribunale boccia lo Statuto: Conte non è più presidente dei Movimento Cinque Stelle. Se adesso intervengono il giudice civile e quello penale è soltanto perché vi è stata la latitanza colpevole delle forze politiche.
L’ultimo è stato il tribunale civile di Napoli, che ha sospeso l’efficacia degli atti che hanno portato Giuseppe Conte a essere eletto capo del Movimento 5 Stelle. Prima c’era stato – ed è adesso sfociato in una richiesta di rinvio a giudizio – il caso dell’indagine penale per stabilire se la Fondazione Open sia invece un partito politico e come tale soggetta alle relative, specifiche regole sul finanziamento. Sia chiaro: con l’attuale ordinamento giuridico è del tutto legittimo che il giudice civile sia intervenuto nel merito delle istanze presentate dai tre militanti M5S ed è del tutto legittimo che un pm voglia accertare se Open sia o meno un partito. Ma è anche del tutto evidente che adesso risulta decapitato, si spera temporaneamente, il primo partito italiano mentre non si sa dove andrà a parare il procedimento penale sulla Fondazione Open. Insomma, il sistema politico italiano – almeno per due sue componenti importanti – si trova di fatto temporaneamente delegittimato. Con quali danni all’ordinato dispiegamento della dialettica politica è facile immaginare. In realtà tale situazione è resa possibile dal fatto che l’attività politica si muove necessariamente in modi per loro natura diversi da quelli civilistici o penali. È l’articolo 49 della Costituzione che ce lo dice: «Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale». Ma “associarsi liberamente” significa anche che nessuno possa imporre in quali modi organizzativi debba essere regolata la vita dei partiti. L’unica condizione posta è che sia salvaguardato il “metodo democratico” al loro interno. Se adesso intervengono il giudice civile e quello penale è soltanto perché vi è stata la latitanza colpevole delle forze politiche, le quali dovrebbero fare una cosa semplicissima: approvare una legge di pochi articoli che fissi una regolamentazione dei partiti politici secondo i dettami dell’art. 49 della Costituzione e insieme le regole per garantire il rispetto della democrazia interna. Affidando la loro osservanza a una autorità esterna indipendente, eletta dal Parlamento a maggioranza qualificata. Se su questo argomento continua la latitanza, è evidente che la Politica (con la p maiuscola) ne soffrirà ulteriormente.   di Nicola Rocco

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Premierato e conseguenze

27 Maggio 2024
Chi e cosa fa un premier non è ancora del tutto compreso, figurarsi con la pericolosa riforma pr…

Con-doni

27 Maggio 2024
C’è un’idea tutta italiana di concepire la politica che trascina con sé anche la totale perdita …

Europee e paradossi italiani

26 Maggio 2024
Non possiamo avere alcuna idea delle esatte percentuali che usciranno dalle urne dei prossimi 8 …

Meloni: “Stoltenberg? Bisogna essere prudenti, ma Nato mantenga fermezza”

26 Maggio 2024
Meloni su Gaza: “Bisogna sempre ricordare chi è il responsabile di questa crisi in partenza: Ham…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI