app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
radio24

Un coro che si definisce fuori dal coro

Nella campagna pubblicitaria di Radio24, i 20 protagonisti si definiscono “fuori dal coro”. Ma a ben vedere, di anticonformista c’è davvero poco.

| ,

Un coro che si definisce fuori dal coro

Nella campagna pubblicitaria di Radio24, i 20 protagonisti si definiscono “fuori dal coro”. Ma a ben vedere, di anticonformista c’è davvero poco.

| ,

Un coro che si definisce fuori dal coro

Nella campagna pubblicitaria di Radio24, i 20 protagonisti si definiscono “fuori dal coro”. Ma a ben vedere, di anticonformista c’è davvero poco.

| ,
| ,

Nella campagna pubblicitaria di Radio24, i 20 protagonisti si definiscono “fuori dal coro”. Ma a ben vedere, di anticonformista c’è davvero poco.

Tutti in smoking, i maschi. Tutte in abito scuro, da sera, le signore. Papillon a iosa e spartiti in mano. Insomma un coro per una fotografia di gruppo. E invece no. Almeno a dar retta allo slogan nella didascalia che accompagna l’immagine: “Radio24. Tante voci diverse per una radio fuori dal coro”. Per la verità di fuori dal coro, nell’immagine per la campagna pubblicitaria della radio di Confindustria, non se ne vede uno. 20 ugole sincronizzate che manco alla messa per i canti di Natale delle corali. Verrebbe quasi da augurarsi che qualcuno dei venti, tra uomini e donne, ritratti in foto steccasse, anche se steccare è sbagliare e non sempre andare controcorrente. Indro Montanelli, anni fa, firmò un libro “La stecca nel coro. 1974-1994: una battaglia contro il mio tempo”, raccolta di suoi editoriali a testimonianza dello scrivere come gli pareva. Ma nel fotogramma corale di Radio24 tutto questo cantare controvento non si vede. D’accordo, decontestualizzare è invenzione da arte d’avanguardia. L’orinatoio di Marcel Duchamp che diventa una fontana è sfregio al conformismo dei suoi tempi. Ecco, se lo smoking dei maschi fosse stato a metà, con solo la giacca e le mutande al posto dei pantaloni (e magari le donne vestite da rockettare) sarebbero stati tutti fuori dal coro. Così francamente no. Così pare più una trovata cerchiobottista: stiamo tutti in coro ma scriviamo “fuori”. Hai visto mai. Nel caso tornasse di moda la polifonia e scemasse il conformismo potranno sempre dire: oh, noi l’avevamo scritto. di Aldo Smilzo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il genio oscuro contro l’onnipotenza di Superman

10 Aprile 2024
Lex Luthor, ,l’unico capace di sfidare l’onnipotenza di Superman. Uno dei personaggi più versati…

La rinascita di Life

03 Aprile 2024
Life, la rivista che ha raccontato a milioni di americani il Novecento per immagini, riprenderà …

García Márquez e il romanzo che non doveva essere letto

22 Marzo 2024
L’opera postuma di Gabriel García Márquez, “Ci vediamo in agosto” , è stato pubblicato per voler…

La difficoltà nel pubblicare Il Signore degli Anelli

13 Marzo 2024
Il Signore degli Anelli, una saga diventata un classico della letteratura del Novecento, e il to…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI