app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Una prigione chiamata Donbass

Tatiana non vede i figli dal 2016. La ragione? Le è impedito di lasciare il Donbass, la regione in cui vive e che dal 2014 ha dichiarato la propria indipendenza dall’Ucraina con un referendum illecito.

In questa intervista, pur nel timore di essere intercettata, Tatiana ci racconta il suo calvario: la preoccupazione per i figli che si trovano sotto le bombe a Kiev e l’isolamento a cui costretta. Anche psicologico, perché i parenti che si trovano in Ucraina, da quando c’è la guerra, non le rispondono più al telefono.

Da quando Putin ha riconosciuto il Donbass, lei si trova in territorio nemico. “Ma io che c’entro?” ci dice disperata.

 

di Ilaria Cuzzolin

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl