app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
150milioni i brani in streaming ignorati

Sono più di 150milioni i brani in streaming ignorati

Tanti brani, pochi ascolti: il report annuale di Luminate mostra che oltre 150milioni di brani in streaming sono totalmente ignorati
|

Sono più di 150milioni i brani in streaming ignorati

Tanti brani, pochi ascolti: il report annuale di Luminate mostra che oltre 150milioni di brani in streaming sono totalmente ignorati
|

Sono più di 150milioni i brani in streaming ignorati

Tanti brani, pochi ascolti: il report annuale di Luminate mostra che oltre 150milioni di brani in streaming sono totalmente ignorati
|
|
Tanti brani, pochi ascolti: il report annuale di Luminate mostra che oltre 150milioni di brani in streaming sono totalmente ignorati
Che dall’avvento dello streaming la musica sia cambiata è lapalissiano e fra le novità più importanti portate da questa rivoluzione c’è stata la possibilità praticamente per chiunque di pubblicare le proprie canzoni, con il miraggio di poter intraprendere una carriera o anche solo di costruirsi un pubblico. D’altronde, oggi siamo tutti artisti… Un miraggio, appunto. Perché è vero, le piattaforme si sono riempite di canzoni di ogni genere ingrossando le tasche dei siti che hanno saputo creare un business dalla distribuzione di brani indipendenti. Ma quante di queste canzoni sono state realmente ascoltate? Grazie al report annuale di Luminate lo abbiamo scoperto e il dato è abbastanza sconfortante. Su 184 milioni di brani sulle piattaforme – cifra già di per sé astronomica – quasi il 25% del totale (circa 46 milioni) è stato riprodotto una manciata di volte. Bene ma non benissimo. Se alziamo la soglia ai 1.000 stream a brano la situazione non migliora, anzi: sono più di 150 milioni. C’è più rumore bianco nello streaming che in un televisore che non trova il canale, dice qualcuno. È quindi evidente come in questo sistema ci sia qualcosa che non va. Ed ecco perché Spotify a novembre aveva annunciato che avrebbe smesso di remunerare le canzoni sotto i 1.000 stream annui: di fatto costano di più, fra gestione sui server e rendicontazione, di quanto facciano incassare. I soldi risparmiati finiranno nelle tasche di chi i criteri richiesti li raggiunge. Fine del sogno. di Federico Arduini
La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Se anche Mary Poppins diventa “discriminatorio”

Il Regno Unito oscura la pellicola senza età “Mary Poppins” per uso di linguaggio discriminatorio…

Intervista a Amos Gitai e Irène Jacob, regista e protagonista di Shikun

Alla Berlinale ha presentato il suo ultimo lavoro “Shikun”: parla il grande regista israeliano Am…

“Voci e storie con La Ragione” ospite Gianni Canova

Quarto appuntamento della kermesse “Voci e storie con La Ragione”. Giovedì 29 febbraio alle ore 1…

Jody Cecchetto si racconta a Voci e storie con La Ragione

Terzo appuntamento di Voci e Storie con La Ragione: ospite Jody Cecchetto per parlare di musica, …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI