app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
cugini di campagna

Cugini di Campagna, Leonardi: ‘La generazione oggi? Quella della scorciatoia’

Tiziano Leonardi, alle tastiere dei Cugini di Campagna: “Pur senza generalizzare, la generazione di oggi è quella della scorciatoia”
|

Cugini di Campagna, Leonardi: ‘La generazione oggi? Quella della scorciatoia’

Tiziano Leonardi, alle tastiere dei Cugini di Campagna: “Pur senza generalizzare, la generazione di oggi è quella della scorciatoia”
|

Cugini di Campagna, Leonardi: ‘La generazione oggi? Quella della scorciatoia’

Tiziano Leonardi, alle tastiere dei Cugini di Campagna: “Pur senza generalizzare, la generazione di oggi è quella della scorciatoia”
|
|
Tiziano Leonardi, alle tastiere dei Cugini di Campagna: “Pur senza generalizzare, la generazione di oggi è quella della scorciatoia”

Pochi gruppi nella storia della musica italiana possono vantare altrettanta iconicità de I Cugini di Campagna. Chiunque sia nato nel Belpaese ha canticchiato o anche solo ascoltato un loro successo. Chiunque saprebbe indicarli tra una folla di gente: le zeppe e i pantaloni a zampa aiutano, indubbiamente.

Sono stati la sorpresa più grande di Sanremo 2023, da outsider totali, giunti con lo spirito giusto al loro primo Festival dopo 53 anni di attività musicale: professionalità, leggerezza e un pezzo radiofonico come “Lettera 22”. Non si pensi però che non ci sia stata emozione in questa loro prima volta, nonostante le migliaia di palchi calcati in carriera: «Sanremo è tutta una storia a sé. Anche se prima sei tranquillo, a 15 minuti dall’esibizione iniziano a tremarti le gambe. Respiri e vai. Tranquillo, ma non troppo: andante, ma non troppo» ci ha confessato Tiziano Leonardi, il membro più giovane della band, alle tastiere e ai cori dei Cugini dal 2012. L’Ariston ha visto anche il ritorno in formazione di Nick Luciani, che aveva lasciato il quartetto nel 2014 dopo vent’anni dietro al microfono: «Ritrovarsi è stato bellissimo» ammette Tiziano. «Il valore artistico di Nick non si discute. Riunirsi dopo che c’è stata una burrasca è sempre molto importante, ci si riscopre più consapevoli».

Eppure, nonostante “Lettera 22” sia andato bene anche sui social – «Il ritornello è come un mantra: sono soltanto tre parole, “Non lasciarmi solo”, in cui ognuno può ritrovare il messaggio di cui sente di aver bisogno» – c’è stato qualcuno a cui l’esordio all’Ariston proprio non è andato giù: Flavio Paulin, membro dei Cugini dal 1970 al 1977, per il quale se ci fosse stato ancora lui non sarebbero mai andati a Sanremo. «Chiunque sia stato nei Cugini ha dato moltissimo» sottolinea Leonardi. «Se allora non si presentarono al Festival era perché non aveva la eco che ha adesso e non per la scelta di un singolo membro, senza nulla togliere a nessuno».

Nel futuro del gruppo c’è il ritorno agli amati concerti dal vivo, con oltre 50 date già confermate di un tour che toccherà Australia, Nord America e Belgio. Una scelta in netta controtendenza rispetto alle nuove generazioni, che suonano sempre meno dal vivo anche in carriere agli esordi. Su questo Tiziano non ha dubbi: «Noi veniamo dalla scuola degli anni Settanta, la dimensione live è fondamentale. Cristallizzi e cementi il rapporto con il tuo pubblico per rimanere in contatto con chi ha speso tempo e soldi per venirti a sentire: glielo devi. Ne devi essere consapevole. Se non sei sincero il pubblico se ne accorge. Senza cattiveria e senza generalizzare, perché non vale per tutti: la generazione di oggi è quella della scorciatoia. Prima di dire che hai fatto qualcosa devi aver mangiato almeno 100 kg di sale» osserva Leonardi. «Oggi è tutto più epidermico ma le cose che ci si è sudati, quelle per cui ringrazi Dio, sono le più importanti. Nell’epoca in cui tutto è facile ci vuole poco per perdere tutto». Quindi un consiglio per chi inizia: «Attivate sempre la visione periferica, aprite gli orizzonti: c’è sempre un lato inaspettato da cogliere da cui apprendere».

di Federico Arduini

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Vent’anni di “Non ti muovere”: Sergio Castellitto apre il Pesaro Film Fest

15 Giugno 2024
Primo ospite del Pesaro Film Festival, Sergio Castellitto nel ventennale del suo film “Non ti mu…

Sanremo 2025, Conti: “Nuove proposte, meno canzoni, torna Dopofestival”

13 Giugno 2024
Meno canzoni, torna la distinzione tra big e nuove proposte, riecco il Dopofestival. Carlo Conti…

Così E. T. abbatté le barriere delle differenze 

11 Giugno 2024
Quando “E. T.” esce nelle sale – l’11 giugno 1982 – la critica e il pubblico ne decretano il suc…

Nelle sale “Kind of Kindness” di Yorgos Lanthimos

11 Giugno 2024
Proiettato in anteprima mondiale alla 77esima edizione del Festival di Cannes, il film “Kind of …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI