app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

For Life

La serie tv “For Life”, in onda sulla Abc negli Stati Uniti e visibile anche in Italia su Netflix, racconta una storia terribile e bellissima, in cui agli ingredienti propri di un legal drama si mescola la questione delicata legata ai pregiudizi razziali.
|

For Life

La serie tv “For Life”, in onda sulla Abc negli Stati Uniti e visibile anche in Italia su Netflix, racconta una storia terribile e bellissima, in cui agli ingredienti propri di un legal drama si mescola la questione delicata legata ai pregiudizi razziali.
|

For Life

La serie tv “For Life”, in onda sulla Abc negli Stati Uniti e visibile anche in Italia su Netflix, racconta una storia terribile e bellissima, in cui agli ingredienti propri di un legal drama si mescola la questione delicata legata ai pregiudizi razziali.
|
|
La serie tv “For Life”, in onda sulla Abc negli Stati Uniti e visibile anche in Italia su Netflix, racconta una storia terribile e bellissima, in cui agli ingredienti propri di un legal drama si mescola la questione delicata legata ai pregiudizi razziali.

Ci sono storie che meritano di essere raccontate, ci sono delle volte in cui le serie tv svelano vicende che altrimenti molti non avrebbero mai conosciuto. È il caso di “For Life”, due stagioni già andate in onda sulla Abc negli Stati Uniti, la prima di queste è da fine gennaio visibile anche in Italia su Netflix.

La storia, romanzata nella serie, è quella di Aaron Wallace, il gestore di un locale notturno che finisce in prigione accusato di essere a capo di un traffico di droga. Nel chiuso delle mura del carcere dedicherà le sue giornate a cercare di dimostrare la propria innocenza, ma non solo. Diventerà avvocato e difenderà altri detenuti, come lui condannati ingiustamente. Dall’altra parte della ‘barricata’ abbiamo un procuratore non proprio limpido e un sistema che utilizza pesi diversi a seconda del colore della pelle.

Questa serie tv narra anche le dinamiche interne alle carceri, le lotte di potere, la prepotenza, le ‘gerarchie’ fra detenuti. Basterebbe questo a consigliarne la visione, ma c’è di più. Perché Aaron Wallace esiste, anche se in realtà si chiama Isaac Wright Jr. e nel 1991 è stato condannato all’ergastolo per dieci capi di imputazione legati al traffico di cocaina. Reati, quelli legati alla droga, nei confronti dei quali l’ordinamento americano prevede pene particolarmente severe. Proprio come Wallace nella serie, dietro le sbarre Wright Jr. studia per diventare avvocato e ribalta venti sentenze di condanna di altri detenuti. Nel 1997 viene annullata anche la sua e il procuratore che aveva portato avanti l’accusa è condannato per corruzione.

Si toglierà la vita dopo essere stato rilasciato su cauzione. Isaac Wright Jr. è invece diventato davvero un avvocato e l’anno scorso si è anche candidato a sindaco della città di New York.

Una storia terribile e bellissima, in cui troviamo tutti gli ingredienti propri di un legal drama ma anche la questione sempre delicata legata ai pregiudizi razziali, duri a morire nonostante i tempi attuali non siano decisamente più quelli delle condanne arbitrarie sulla base del colore della pelle. Probabilmente nessun italiano avrebbe conosciuto questa storia se non fosse stato per la messa in onda di “For Life”.

La serie tv ovviamente sottolinea in modo particolare gli aspetti che più possono colpire lo spettatore ed estremizza i protagonisti della vicenda. D’altronde non si tratta di un documentario. Forse proprio questo ha decretato il suo successo anche fra chi non è particolarmente appassionato di vicende giudiziarie. Raccontare Aaron Wallace – o meglio Isaac Wright Jr. – utilizzando la formula della serie si è rivelata una scelta perfetta. Inutile negarlo, è questa oggi la modalità per arrivare rapidamente e in modo più efficace a una larga fetta di pubblico.

Molto più che con un film. Senza volerne fare necessariamente un elogio, perché ciascuno potrà trovarvi anche dettagli che stonano, personaggi tratteggiati magari in modo volutamente estremo nonché eccessi. È però già un successo che storie come queste vengano raccontate.

 

Di Annalisa Grandi

Sanremo e gli ospiti, monta la polemica

Sanremo e polemiche vanno a braccetto da sempre. Per questa edizione le più ricorrenti sono state…

Dagli anni di piombo al rock, parla Enrico Rovelli

Due figli venuti a mancare troppo presto, il rifugio nel mondo dell’arte, l’amicizia con Bruce Sp…

Il docufilm su Gaber, a vent’anni dalla scomparsa

Annunciato oggi, nel giorno del suo compleanno, l’inizio delle riprese per il docufilm dedicato a…

I 150 anni del Carnevale di Viareggio

I 150 anni del Carnevale di Viareggio, tra tradizione e novità

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl