app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
franco battiato anniversario morte

Un anno senza Battiato, filosofo che non sapeva amare né parlar d’amore

Una vita solitaria la sua, non amava le classiche canzoni d’amore. A tratti criptico, sapeva però arrivare al cuore delle persone. Nella sua vita solo donne mordi e fuggi, mai una compagna fissa
|

Un anno senza Battiato, filosofo che non sapeva amare né parlar d’amore

Una vita solitaria la sua, non amava le classiche canzoni d’amore. A tratti criptico, sapeva però arrivare al cuore delle persone. Nella sua vita solo donne mordi e fuggi, mai una compagna fissa
|

Un anno senza Battiato, filosofo che non sapeva amare né parlar d’amore

Una vita solitaria la sua, non amava le classiche canzoni d’amore. A tratti criptico, sapeva però arrivare al cuore delle persone. Nella sua vita solo donne mordi e fuggi, mai una compagna fissa
|
|
Una vita solitaria la sua, non amava le classiche canzoni d’amore. A tratti criptico, sapeva però arrivare al cuore delle persone. Nella sua vita solo donne mordi e fuggi, mai una compagna fissa
Anticonformista e genio della sintesi. Oggi, che non c’è più, è facile celebrare lo straordinario filosofo della musica, Franco Battiato.  Poco prima della sua scomparsa, il nome del cantautore siciliano era finito sulle cronache più per le polemiche che per la sua voce. Appena tre anni fa pubblicava il suo ultimo album, “Torneremo ancora”, un’opera passata in sordina e che i maligni bollarono come un’operazione commerciale pilotata dal fratello Michele per rifinanziare le casse ammalorate di famiglia.  L’album – accusano – sarebbe un’accozzaglia di brani di cui Battiato non andava fiero, uscito quando la sua lucidità sembra fosse ormai compromessa. Vero o falso, non lo sapremo mai, quello che pare certo è che gli introiti hanno permesso ai Battiato di ritirare la vendita dell’amatissima Villa Grazia, cornice prolifica delle sue canzoni più belle. Polemiche a parte (che francamente ci interessano poco), con Battiato se ne è andato non un semplice cantante, nondimeno un cantate semplice da capire.   Battiato era simpatico, intelligente, con l’indole catartica del provocatore.

Battiato e l’amore, un enigma mai risolto

Non si era mai sposato né lo si era visto accanto a una compagna stabile. C’era qualche “amica” che andava a trovarlo, fermandosi qualche giorno a casa sua. Poi un altro giro, un’altra corsa. Si vantava di non essersi mai innamorato, semmai questo possa considerarsi un vanto; era anche arrivato a criticare Papa Francesco per la sua tendenza a umanizzare eccessivamente la figura di Dio. Gli incessanti studi sulla spiritualità, su cui aveva praticamente letto tutto, lo hanno reso capace di sublimare tematiche complicate in armonie perfette. Ne sono la prova canzoni, veri pugni in pancia, come “La prospettiva Nevsky” o “La cura”, interpretata dall’immaginario collettivo come una delle più belle dichiarazioni d’amore da dedicare al proprio partner, ma che invece è un’esortazione alla cura della propria anima, perchè per Battiato “curare era più bello che amare”. 

Un mantra quotidiano, da coltivare giorno per giorno. 

Proprio come la terra dell’adorata villa di Milo, con incantevole vista sull’ Etna, con la cuoca personale che gli spadellava le verdure appena colte nell’orto e dove si era ritirato molto prima della malattia. Mal sopportava le manifestazioni circensi legate al mondo dello spettacolo, amava piuttosto le dimensioni raccolte come quelle di un convegno.  Credeva fermamente nella reincarnazione. Chissà ora dove si trova: se con quel suo ingombrante naso aquilino sorvola le nostre teste oppure se ha trovato ospitalità in uno degli alberi del suo immenso giardino.  Di sicuro resta nei cuori di chi l’ha amato. E sono in tanti.  Di Ilaria Cuzzolin

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Civil War di Alex Garland, fantarealistica guerra politica

21 Aprile 2024
A Brooklyn c’è una manifestazione. I cittadini sono scesi in strada per la carenza di acqua. La …

Rai – caso Scurati, il comunicato Usigrai: “Il controllo del governo sull’informazione è asfissiante”

21 Aprile 2024
Le dure parole del sindacato Usigrai scritte in una lettera – letta oggi nei Tg Rai – dopo il ca…

Rai, Serena Bortone legge in diretta il monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile

20 Aprile 2024
La conduttrice Serena Bortone ha letto, in apertura della puntata del programma “Che Sarà” su Ra…

“Rai Amara” e il caso Amadeus

20 Aprile 2024
Rai, Il caso Amadeus è, purtroppo, una sorta di racconto letterario della nazione o un’autobiogr…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI